Risultati immagini per MERCOLEDì DELLE CENERI

Il mercoledì delle Ceneri, la cui liturgia è marcata storicamente dall’inizio della penitenza pubblica, che aveva luogo in questo giorno, e dall’intensificazione dell’istruzione dei catecumeni, che dovevano essere battezzati durante la Veglia pasquale, apre ora il tempo salutare della Quaresima.

La Vita Patrum Jurensium, scritta da un suo seguace, ci racconta che Romano per primo ebbe l’idea di isolarsi in prossimità delle foreste Giura. Per la sua fama , il vescovo Ilario di Besancon, lo ordinò sacerdote. Con il fratello Lupicino ed altri seguaci, Romano fondò un grande monastero a Condat, un secondo a Leuconne e un monastero femminile di clausura a le Beaume, di cui fu badessa una loro sorella.

Passione, testardaggine e non solo. Curare il tumore al cervello con gli herpes virus, manipolandoli in maniera tale da renderli innocui per le cellule sane ma in grado di uccidere quelle del cancro, è frutto di anni di studi e di ricerche. Carmela Passaro, 33 anni, di Agropoli, nel prestigioso Brigham and Women's Hospital di Boston spende tutte le sue energie e la sua intelligenza nella guerra contro il cancro. Con risultati che fanno ben sperare.

Francesco Possenti nacque ad Assisi nel 1838. Perse la madre a quattro anni. Seguì il padre, governatore dello Stato pontificio, e i fratelli nei frequenti spostamenti. Si stabilirono, poi, a Spoleto, dove Francesco frequentò i Fratelli delle scuole cristiane e i Gesuiti. A 18 anni entrò nel noviziato dei Passionisti a Morrovalle (Macerata), prendendo il nome di Gabriele dell'Addolorata. Morì nel 1862, 24enne, a Isola del Gran Sasso, avendo ricevuto solo gli ordini minori. È lì venerato, nel santuario che porta il suo nome, meta di pellegrinaggi, soprattutto giovanili. È santo dal 1920, copatrono dell'Azione cattolica e patrono dell'Abruzzo.

Eletto patriarca d’Alessandria d’Egitto, rinnovò il clero scegliendo uomini di provata rettitudine e costruì la grande Chiesa di S. Theonas. Lottò contro Ario dopo aver tentato di convincerlo paternamente. La sua vita e la fermezza con cui condusse la lotta contro l’arianesimo sono tuttora testimonianza del suo senso di giustizia, della sua forza spirituale e della sua integrità morale.

Risultati immagini per ANIMA ITALICA

LUNEDÌ 27 FEBBRAIO 2017, in concomitanza con la messa in onda de “Un covo di vipere” – nuovissimo episodio della saga televisiva [Rai Uno] del Commissario Montalbano – il designer italiano di esperienze uniche ed esclusive ANIMA ITALICA lancerà ufficialmente il suo tredicesimo itinerario, dedicato interamente alla Sicilia Orientale e a quei luoghi che sono divenuti protagonisti delle avventure del più celebre commissario televisivo italiano.

Il vescovo Luigi Versiglia, salesiano, è uno dei 120 martiri della Cina canonizzati da Giovanni Paolo II il 1° ottobre 2000. Nato nel 1873 a Oliva Gessi, in provincia di Pavia, conobbe personalmente don Bosco. Ordinato sacerdote nel 1895, fu per dieci anni maestro dei novizi nella Casa salesiana di Genzano. Fin da giovanissimo portava nel cuore il desiderio di partire missionario. Così nel 1906 fu scelto come capogruppo dei primi missionari salesiani in partenza per la Cina. Visse il suo apostolato prima a Macao e poi nella regione del Kwangtung, nel Sud della Cina, dove fondò la missione di Shiu Chow di cui nel 1920 divenne vicario apostolico e primo vescovo. Mentre la Cina sprofondava sempre più nella guerra civile, verso la fine del gennaio 1930 si mise in viaggio assieme al giovane confratello don Callisto Caravario (anche lui nel gruppo dei 120 martiri) per raggiungere i cristiani della piccola missione di Lin-Chow. Furono uccisi insieme da un gruppo di banditi il 25 febbraio 1930.

Risultati immagini per L'AMERICA NON è UN PAESE DI BOY SCOUT

All'inizio di Indiana Jones e l'ultima crociata, c'è un episodio in cui Indy non è impersonato da Harrison Ford, ma da River Phoenix. È il momento in cui il giovane boy scout Indy, dopo la fuga dalla gang di tombaroli a cui ha sottratto la Croce di Coronado, riceve in dono dal capo della gang il suo cappello. «You lost today, kid», oggi hai perso, ragazzo, gli dice calcandolgi il suo cappello in testa, «but that doesn't mean you have to like it», ma non è detto che debba piacerti.

Gregorio Magno e Agostino di Canterbury vengono ricordati come gli apostoli degli Angli. Al loro fianco bisogna ricordare anche Etelberto e sua moglie Berta. Nato verso il 552, Etelberto ancora in giovane età divenne il più potente sovrano anglo dell’epoca.Verso il 588 sposò Berta, la figlia cattolica del re franco Cariberto. Dando prova di tolleranza, permise alla sua sposa di continuare a professare la sua fede. Ancora più magnanimo egli si mostrò nel 597 quando accolse la delegazione di monaci inviata da papa Gregorio e guidata da Agostino. Egli ascoltò i missionari e concesse loro di stabilirsi presso Canterbury con facoltà di predicare e convertire.

Giovanni nacque verso il 995 a Palermo, dove la madre, già incinta, era stata portata prigioniera dai saraceni, che l'avevano catturata in un'incursione a Stilo. Istruito dalla madre, Giovanni, all'età di 14 anni, quando seppe delle vicende della sua famiglia, decise di ritornare a Stilo. Qui fu accolto e battezzato in uno dei monasteri della Valle dello Stilaro. Crescendo Giovanni fortificò la sua fede con la preghiera e l'ascesi.

Dalla Lauro

L’avventura dalliana di Raffaele Lauro dura ormai da quattro anni ed è giunta al quinto anniversario della scomparsa del grande artista (1 marzo 2012/1 marzo 217), innamorato di Sorrento e dei sorrentini. Si tratta di lungo ed eccezionale percorso, umano, prima che intellettuale, dello scrittore sorrentino (www.raffaelelauro.it). Nell’imminenza delle manifestazioni celebrative 2017 (gemellaggio tra Sorrento e San Martino Valle Caudina; due convegni di studio sul tema, “Lucio Dalla, uomo, poeta e musicista”; uno spettacolo-omaggio a Lucio Dalla del Fauno Notte Club), che si terranno tra venerdì 3 e sabato 4 marzo 2017, a Sorrento e a San Martino Valle Caudina, Lauro, ispiratore e protagonista di questa avventura, ne traccia un primo bilancio.

Nata a Laviano (Perugia) nel 1247, diciottenne va a convivere con un giovane nobile di Montepulciano, che non la sposa neppure quando nasce un figlio, e che muore assassinato nove anni dopo. (La tradizione racconta di un cagnolino che la guida a ritrovarlo cadavere, in un bosco). Allontanata dai parenti dell'uomo e dalla propria famiglia trova accoglienza a Cortona. Lavora come infermiera per le partorienti, educa il figlio, che si farà poi francescano, e si dedica agli ammalati poveri. Prende con sé alcune volontarie che si chiameranno «Poverelle», promuove l'assistenza gratuita a domicilio, si fa aiutare da famiglie importanti e nel 1278 fonda l'ospedale della Misericordia. Vive un periodo da contemplativa e una domenica ricompare a Laviano, per raccontare in chiesa, durante la Messa, le sue vicende giovanili, e per chiedere perdono. A Cortona spesso la gente va da lei, nella cella presso la Rocca dove si è stabilita nel 1288: chiede il suo intervento nelle contese cittadine e nelle lotte con altre città. Nel 1289 Margherita è tra coloro che danno vita alla Confraternita delle Laudi. Morirà a Cortona nel 1297. 

Risultati immagini per LUCIO DALLA A SORRENTO

Nel V anniversario della scomparsa (1 marzo 2012/1 marzo 2017) e nel LXXIV anniversario della nascita (4 marzo 1943/4 marzo 2017) di Lucio Dalla, l’Amministrazione Comunale di Sorrento, l’Amministrazione Comunale di San Martino Valle Caudina e il Fauno Notte Club di Sorrento, hanno programmato uno spettacolare omaggio, istituzionale e musicale, al grande artista bolognese.

Nacque a Ravenna nel 1007. Ultimo di una famiglia numerosa, orfano di padre, ebbe come riferimento educativo il fratello maggiore Damiano. Di qui, probabilmente l'appellativo «Damiani». Dopo aver studiato a Ravenna, Faenza, Padova e insegnato all'università di Parma, entrò nel monastero camaldolese di Fonte Avellana. Nel 1057 il Papa lo chiamò a Roma per averlo accanto in un momento di crisi della Chiesa, dilaniata da discordie e scismi e alle prese con la piaga della simonìa. Nominato vescovo di Ostia e poi creato cardinale, aiutò i sei Papi che si succedettero al Soglio pontificio, a svolgere un'opera moralizzatrice. In quest'azione si avvalse particolarmente dell'abate benedettino di San Paolo Fuori le Mura, Ildebrando che nel 1073 fu eletto Papa con il nome di Gregorio VII. Pier Damiani, fu delegato pontificio in Germania, Francia e nell'Italia settentrionale. Morì a Faenza nel 1072. Nel 1828 Leone XII lo proclamò dottore della Chiesa. 

Risultati immagini per BANDIERA UE

Ma chi ha detto che l’Europa non serve a niente? Chi dice che la moneta unica ci ha impoverito e a Bruxelles si è instaurata una burocrazia che spreca un sacco di denaro pubblico? Per rispondere a questi e altri dubbi, Radicali Italiani ha deciso di rispondere punto su punto. Una lunga serie di domande e risposte per sfatare alcuni dei miti più diffusi, e spesso ingiustificati, sull’Unione Europea. Il documento finale è un vademecum utile a chi vuole difendere la scelta europeista. Una guida controcorrente, che solo per questo merita di essere letta.