×

Messaggio

Failed loading XML... xmlParseEntityRef: no name

Museo Diocesano - Complesso Monumentale Donnaregina

Mezzo secolo di rock, con progetti che hanno coinvolto spesso artisti internazionali. E ora un tour e un disco, “Ballate d’oltremare”, in uscita a settembre, che rappresenta una piccola svolta nella carriera di Mario Fasciano. Un suono folk-oriented, pur se di matrice rock.

Con una serie di brani scritti in coppia con parolieri come Patrizio Trampetti e Vincenzo Incenzo. E’ questo il nuovo tassello del mosaico musicale di Fasciano, compositore e batterista napoletano di lungo corso che ha condiviso percorsi con star del rock come Ian Paice, Steve Morse e Rick Wakeman o con icone della musica italiana come Francesco Di Giacomo, e che il 23 giugno (alle 20,30) tornerà su un palco napoletano per presentare quest’ultimo progetto. Con un ospite speciale, Dario Salvatori, che introdurrà il concerto. Giornalista e critico musicale di culto, oltre che personaggio televisivo cresciuto alla corte di Arbore e Boncompagni, Salvatori è stato volto di “L’altra domenica” e “Quelli della notte”. E ha anche contribuito alla stesura della Enciclopedia Treccani per quanto riguarda alcune voci musicali, come Rock e Jazz.

L’appuntamento live del 23 giugno, (regia e coreografie di Fabio Mazzeo con la partecipazione di Eskhara Ballet Acedemy), è al Museo Diocesano di Largo Donnaregina e vede accanto a Fasciano una band che annovera un fulcro della Steve Hackett Band, il flautista e sassofonista Rob Townsend, e due musicisti che già in passato hanno parte della sua band, Riccardo Ballerini e Toni Armetta.E ci sarà anche la presenza in due brani di Patrizio Trampetti alla voce in coppia con Fasciano. In scaletta tutti i brani del nuovo disco, come “Credi in te”, con le magnifiche performance di Townsend ai flauti, o “Il sogno di Pa”, dedicato a Pier Paolo Pasolini, o “I remember… na na na”, che nel vinile potrà beneficiare degli impressionanti assoli alla chitarra acustica di Steve Morse (Deep Purple) e la voce di Charlie Cannon dei Platters. O ancora “Eterna tarantella”, brano diviso in sezioni e che salta dal prog alla tarantella, passando per il folk. E poi “Luna calante”, “Credi al tuo destino” e “Si ttu”. Oltre a brani dai dischi precedenti di Fasciano.

Il disco uscirà a settembre 2023 in formato vinile e in formato “liquido”, un’unica confezione con una pen per l’ascolto in digitale. Nel disco, oltre a Rob Townsend e Roger King, altro componente della Steve Hackett e ai già citati Steve Morse e Charlie Cannon, suonano Tim Cainsfield, (chitarrista già con Steve Winwood e i Bee Gees), e Jonathan Noyce, il bassista del Jethro Tull. “Ballate d’oltremare” è stato registrato a Londra, agli studi di Roger King dove ha registrato anche David Gilmour dei Pink Floyd, e al Forum Studio di Roma.