Il consiglio dei ministri del governo spagnolo ha concesso al ministro dei beni e delle attivita' culturali e del turismo, Dario Franceschini il titolo della Gran Croce de l'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio.

 "Qui prego, col dolore nel cuore, perché mai piu' vi siano tragedie come questa, perché l'umanita' non dimentichi e sappia vincere con il bene il male; Dio conceda all'amato popolo armeno e al mondo intero pace e consolazione. Dio custodisca la memoria del popolo armeno. La memoria non va annacquata né dimenticata; la memoria e' fonte di pace e di futuro".

La Gran Bretagna vota per lasciare l’Unione Europea, e si apre una fase di drastici cambiamenti nella politica e nelle istituzioni britanniche ed europee. Difficile prevedere con esattezza cosa avverrà, perché si naviga in acque inesplorate: mai nessun Paese è uscito dall’UE, tantomeno un Paese di così grande rilevanza economica. Del resto, sia a Downing Street che a Bruxelles erano già pronti i dossier per stabilire le tappe che, entro i prossimi due anni, porteranno al definitivo abbandono dell’UE da parte del Regno Unito. Cosa accadrà dunque adesso?

 Il premier britannico David Cameron ha definito Nigeria e Afghanistan "forse i due Paesi più corrotti al mondo" in una dichiarazione che è stata involontariamente resa pubblica, mentre la Regina Elisabetta è stata registrata mentre definiva la delegazione cinese che ha visitato Londra a ottobre "maleducata".

Servono molti piu’ vaccini per contrastare il diffondersi dell’epidemia di febbre gialla nell’Africa sub-sahariana, che ha gia’ causato centinaia di morti: a lanciare l’allarme sono gli autori di un articolo pubblicato oggi sulla rivista scientifica Journal of the American Medical Association. Secondo gli esperti, due professori della Georgetown University, l’epidemia potrebbe trasformarsi in un’emergenza globale se si diffondesse ulteriormente in Africa e da qui in altri continenti, a partire dall’Asia.

 Altra giornata di proteste ieri davanti la sede del sindacato dei giornalisti, al Cairo, divenuto negli ultimi giorni il nuovo simbolo dell’insofferenza popolare nei confronti del governo di Al-Sisi. Ieri alla protesta – come riferiscono fonti di stampa egiziane – è seguita un’assemblea che si è conclusa con una dichiarazione con cui i giornalisti chiedono al governo delle “formali scuse“ per l’incidente avvenuto domenica scorsa: nel corso di un sit-in, la polizia ha fatto irruzione nella struttura e arrestato due giornalisti, Amr Badr e Mahmoud Al-Sakka.

Torna l’incubo della “mucca pazza” in Europa o è solo un caso isolato? Perché la BSE dopo un lungo tempo dall’ultima segnalazione è stata scoperta in una mucca, in particolare, in un animale da macello nelle Ardenne.

Bumble Bee Foods, azienda californiana specializzata nella cottura e nell’inscatolamento del tonno, ha emesso un richiamo volontario di 31.579 scatolette di tonno che potrebbero essere contaminate. La società di San Diego ha dichiarato che il richiamo coinvolge le scatolette che sono state prodotte nel mese di febbraio e distribuite a livello nazionale.

Dall'inizio dell'anno più di 70 persone sono morte in Russia per complicazioni dell'influenza, di cui 44 nell'ultima settimana. Ma queste cifre possono risultare approssimative.  Oltre 800 istituti scolastici e 600 asili sono stati chiusi in quarantena per impedire il dilagare del virus, e nella metropolitana di Mosca hanno deciso di disinfettare gli interni dei vagoni con i raggi ultravioletti. Annullati tutti gli eventi pubblici. Secondo le autorità sanitarie la situazione è totalmente sotto controllo. Inoltre il portavoce del Ministero della salute ha sottolineato che il sistema sanitario "è pronto, sia in termini di monitoraggio sia di assistenza medica". Inoltre, ha poi dichiarato che, circa un russo su tre è vaccinato contro l'influenza, cioè 45 milioni di persone, e in ogni caso nei reparti di malattie infettive del paese più grande del mondo ci sono 100.000 posti letto e altri 15.000 nei reparti di terapia intensiva per malattie infettive. Mentre Christian Lindmeier, dell'Organizzazione mondiale della Sanità, ritiene che non ci sia "nulla di insolito in questa diffusione dell'influenza" e che si tratti solo di un'epidemia "stagionale".