Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 204

Poiché la Campania non è zona rossa, l’ordinanza di De Luca per la chiusura delle scuole dell’infanzia, elementari e medie risulta sproporzionata e per queste ragioni il Tar ne ha disposto la sospensione.

Tra le motivazioni dei giudici della quinta sezione del tribunale amministrativo regionale, il fatto che la chiusura delle scuole sarebbe risultata misura che “non sottente compiuta valutazione di adeguatezza e proporzionalità” perché la Campania “non è zona rossa e dunque non è nella fascia di maggior rischio pandemico e che il solo dato dell’aumento dei contagi neppure specificatamente riferito a popolazione scolastica e peraltro neppure certo non radicano per se solo la situazione emergenziale”. Il Tar ha rimarcato che “non esiste alcun focolaio collegato a popolazione scolastica” e perciò la misura non è ragionevole.

Autenticati