Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 390

FIUMI IN CAMPANIA, LIVELLI IDROMETRICI IN DIMINUZIONE | AppiaPolis - News  in Tempo Reale

In Campania, nella giornata del 13 settembre 2021, si registrano - rispetto al 6 settembre scorso – 16 diminuzioni dei livelli idrometrici sulle 29 stazioni di riferimento poste lungo i fiumi, insieme a 12 incrementi, 1invarianza e con i valori delle foci condizionati da marea crescente.

Sempre su base settimanale, i fiumi Sele, Volturno e Garigliano sono in diminuzione, mentre si apprezzano valori in aumento per il fiume Alento. I dati idrometrici - nel confronto con le medie dell’ultimo quadriennio - vedono su livelli superiori alla media del periodo il Sele ed il Volturno, entrambi in2 delle 3 stazioni considerate. Il Garigliano, invece, presenta entrambe le stazioni considerate su valori inferiori alle medie dell’ultimo quadriennio. I volumi del lago di Conza della Campania risultano in calo, mentre gli invasi del Cilento sono in lieve ripresa. E’ quanto emerge dall’indagine settimanale dell’Unione regionale Consorzi gestione e tutela del Territorio e Acque Irrigue della Campania (Anbi Campania) che compila il presente bollettino interno, contenente i livelli idrometrici raggiunti dai principali corsi d’acqua nei punti specificati (Fonte: Regione Campania, Centro Funzionale Protezione Civile) ed i volumi idrici presenti nei principali invasi gestiti dai Consorzi di bonifica della regione e – per il lago di Conza - dall’Ente per l’irrigazione della Puglia Lucania e Irpinia.

 

Il fiume Garigliano presenta livelli idrometrici inferiori a quelli di una settimana fa a Sessa Aurunca (-32 centimetri), mentre si segnala una lieve diminuzione a Cassino. Questo fiume presenta valori idrometrici più bassi della media degli scorsi 4 anni sia a Cassino, (-2 cm.) che a Sessa Aurunca (-25 cm.).

 

Il Volturno rispetto alla settimana scorsa è da considerarsi in lieve calo a causa dei ridotti apporti provenienti dal Calore. Questo fiume ha 2 dei tre principali valori idrometrici sopra la media del quadriennio precedente: Capua (+12 cm.) e Castel Volturno (+14,5 cm.); scende invece al di sotto della media Amorosi (- 1,5 cm.)

 

Infine, il fiume Sele è in lieve calo rispetto ad una settimana fa, con in evidenza i - 3 centimetri di Albanella. Il Sele presenta 2 delle tre le principali stazioni idrometriche con valori superiori alla media del quadriennio precedente: Contursi (+15 cm.) ed Albanella (+ 35 cm.).

 

Per quanto riguarda gli invasi, quello sotteso alla diga di Piano della Rocca su fiume Alento appare in calo sulla settimana precedente a circa 10,5 milioni di metri cubi e contiene il 42% della sua capacità, ma con un volume superiore del 74,47% rispetto ad un anno fa. L’Eipli aggiorna i volumi dell’invaso di Conza della Campania: l’8 settembre risulta in calo sul 6 settembre di circa 500mila metri cubi e con 21,4 milioni di metri cubi presenta una scorta idrica superiore di circa 5,3 milioni rispetto ad un anno fa.

Autenticati