Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 422
IMG 20210826 WA0042
di NICOLA ARPAIA
“Oggi in commissione Affari sociali abbiamo approvato un emendamento a mia prima firma che circoscrive l’utilizzo del Green Pass: ora la norma precisa che un diverso utilizzo del Green Pass può essere disposto solo con legge dello Stato e prevede il divieto per chiunque di disporne un impiego differente da quello al momento previsto. 
In questo modo armonizziamo la normativa con quanto disposto dal Regolamento UE 2021/953”. Così in una nota Nicola Provenza, deputato del MoVimento Cinque Stelle in commissione Affari sociali. 
“Quando si introducono provvedimenti di questo tipo – continua il deputato – bisogna avere un’attenzione particolare perché si va ad incidere su diritti fondamentali della persona e per questo l’obbligo di legge appare quanto mai opportuno. Così fermiamo l’uso fantasioso del Green Pass che in questi giorni sta alimentando le cronache di giornale e un possibile uso differenziato tra regioni. Una circostanza che dovrebbe far riflettere anche sulle distorsioni che ha causato il nuovo Titolo V della Costituzione, portando, soprattutto in un ambito delicato come quello della salute, a una babele che durante la fase più critica della pandemia ha creato caos e confusione”.

Autenticati