Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 394

Uno studio sulla salute degli autotrasportatori, ecco come farne parte -  TCE Magazine

Il settore degli autotrasporti è in crisi, le imprese di categoria hanno lanciato l’allarme “non si trovano più autisti per i mezzi pesanti”. Da quanto si apprende da un ampio articolo del Sole 24 Ore, sono circa 17mila le carenze di personale che si registreranno da qui al 2023, poiché il turn over risulta sostanzialmente inesistente. Per ogni pensionato non ci sono giovani pronti a prendere il suo posto.

“Già da alcune settimane stiamo lavorando con le associazioni di categoria per affrontare il problema – afferma Tommaso Pellegrino, capogruppo di Italia Viva in Consiglio Regionale – e sono convinto che questa carenza possa trasformarsi in un’opportunità straordinaria per la nostra Regione. Da un’indagine effettuata nel settore degli autotrasporti è emerso il problema, da parte delle imprese del settore, di reperire autisti formati. Si rileva un’offerta di lavoro che non viene soddisfatta da una domanda non solo inadeguata, ma addirittura carente. L’indagine ha quindi evidenziato che in Campania esiste un potenziale incremento occupazionale pari a oltre duemila posti di lavoro in questo settore. Per tali ragioni ho presentato un’interrogazione in Consiglio Regionale – prosegue Pellegrino – ed ho già parlato con l’Assessore Regionale alla Formazione Professionale, Armida Filippelli, che ha dato piena disponibilità ad aprire un tavolo di confronto per affrontare tale problematica. La formazione è necessaria, considerato anche l’alto tasso di tecnologia ormai raggiunto dai mezzi in strada, ma conseguire gli attestati necessari, ovvero le patenti CIE e CE, la Carta di Qualificazione del Conducente e il patentino ADR per il trasporto di merci pericolose, è un cammino lungo e costoso. Delle agevolazioni potrebbero innescare un percorso virtuoso che reinserisca i disoccupati nel mondo del lavoro e che faccia entrare, al contempo, tanti giovani che attendono solo un’opportunità”. Ha concluso il consigliere Pellegrino.

Autenticati