Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 309

Minori poveri, disuguaglianze e salute a rischio: lo "svantaggio" di vivere  in città | RomaSette

“Bisogna attrezzare vere e proprie task force presso la sede del Tribunali dei Minori e gli uffici comunali dei Servizi sociali per fronteggiare l’emergenza sociale evidenziata nell’ultimo rapporto di Bankitalia secondo il quale il 27% dei minori campani vive in famiglie senza redditi da lavoro.

Un dato a dir poco allarmante che non può essere ignorato dalle istituzioni che hanno il compito di tutelare i diritti e la salute dei giovanissimi e, allo stesso tempo, di attivare tutte le misure a sostegno delle famiglie in particolare nella fase post pandemica”. E’ la proposta di Michela Rostan, Vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera.

“Un minore su quattro nella nostra regione – prosegue Rostan – corre seri rischi di non poter ricevere la necessaria assistenza sanitaria e il supporto e i mezzi per studiare, a causa della durissima crisi economica che ha colpito migliaia di famiglie. Dobbiamo avere il quadro preciso delle emergenze in atto per poter mettere in campo una strategia efficace di sostegno e prevenzione di forme di disagio ancor più drammatiche. Utilizzando anche le nuove tecnologie che possono consentire di avere una banca dati aggiornata e un monitoraggio attento sulla qualità di vita dei minori interessati”.

Autenticati