Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 578

Iovino (Italia Viva): "Il rilancio delle imprese attraverso la Blue  Economy" | La Provincia Online

"Le scuole paritarie hanno subìto danni ingenti per via della pandemia da Covid senza che il governo abbia adottato misure adeguate per sostenerle. E' evidente che l'esecutivo debba farsi carico anche di queste realtà, che non solo sono parte integrante del sistema scolastico nazionale, ma sono significative anche dal punto di vista economico ed occupazionale."

E' quanto ha affermato in una nota Francesco Iovino, componente della Commissione cultura del Consiglio regionale della Campania: "I decreti del presidente del consiglio dei ministri che si sono succeduti dopo l'inizio dell'emergenza - spiega Iovino - non hanno tenuto conto delle enormi difficoltà nelle quali si sono trovati gli istituti paritari per via delle restrizioni determinate dal Covid. I 300 milioni sbloccati solo nel mese di settembre non sono sufficienti a coprire i mancati versamenti delle rette nei mesi di sospensione delle attività didattiche in presenza. Inspiegabile, ad esempio, il perché i dipendenti di tali istituti siano stati esclusi dal beneficio della Cassa integrazione, della quale, invece, hanno potuto godere le altre aziende italiane. Altrettanto inspiegabile è la ragione per la quale molti dei benefici fiscali introdotti non siano estesi anche agli istituti paritari."Quindi ha aggiunto: "Tale condizione ha già determinato la chiusura di molte scuole paritarie e molte sono in procinto di abbassare le serrande. Questa è la ragione per la quale insieme al prof Iervolino, stamani abbiamo incontrato gli onorevoli Toccafondi e Migliore affinché possano farsi portavoci delle istanze delle migliaia di lavoratori e lavoratrici che dipendono dalle scuole paritarie e che si trovano a vivere una condizione di seria difficoltà. Ovviamente tale condizione si ripercuote anche sull'indotto, la cui entità non è per niente irrilevante per la nostra economia. Occorre, dunque, evitare quello che si profila come un danno enorme per l'intero tessuto sociale ed economico del Paese". E infine: "Dagli onorevoli Migliore e Toccafondi abbiamo ottenuto l'impegno loro personale e di Italia Viva di chiedere al governo provvedimenti che possano rappresentare davvero un'ancora di salvezza per il mondo delle scuole paritarie. Va senza dire che per quanto mi riguarda già nelle prossime ore interesserò il presidente della giunta affinché anche la Regione Campania possa intervenire, in linea con la concretezza e l'efficacia che hanno fin qui caratterizzato il suo operato."

Autenticati