Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 269

Informazione Campania - NAPOLI - SI PRESENTA IL VOLUME NOI DUE PUNTO ZERO  DI CHIARA TORTORELLI

La libreria IoCiSto ospiterà, lunedì 6 dicembre 2021 alle 19, la prima presentazione di “Storia Pettegola di Napoli”, il nuovo libro di Chiara Tortorelli (Newton Compton Editori). Insieme all’autrice saranno presenti anche lo scrittore Maurizio Ponticello e il docente universitario Matteo Palumbo. Modererà l’incontro il giornalista e vice caporedattore centrale vicario del Corriere del Mezzogiorno, Vincenzo Esposito.

Dal triangolo amoroso che vide protagonisti Eduardo Scarfoglio, Matilde Serao e Gabrielle Bessard agli amori di Eduardo De Filippo sino alla seduzione di Sofia Loren contesa tra Ponti e Cary Grant. Conoscere, sapere, in una parola “intrigarsi” degli affari altrui, è uno “sport” praticato un po' da tutti, alla cui base c’è la curiosità.

“Un bel giorno ho pensato che dopo aver pubblicato romanzi, racconti e libri di poesia, era il caso di cambiare genere e di provare qualcosa di nuovo. Mi chiamano dalla Newton Compton e mi propongono di presentare un progetto: un libro su Napoli, un misto di saggistica e narrativa e a me viene in mente di presentare la Napoli del Novecento, i suoi personaggi variegati... Soprattutto volevo fare un libro d'amore, un libro che raccontasse cos'è per Napoli l'amore, attraverso personaggi fuori dal comune. Così è nata Storia Pettegola di Napoli, ho inframmezzato le storie realmente accadute alle emozioni, le emozioni della gente, quelle cose insomma che fanno di Napoli, Napoli, una carrellata di umanità, colore e saggezza, un carpe Diem sinfonico a più voci, che raccontasse la vita afferrata nei vicoli, nelle parole raccolte e sussurrate. Ho cercato di incarnare il meglio del cosiddetto pettegolezzo, inteso non come malelingue o malignità ma come affresco della voce orale, quella del popolo, quella che non rientra nei libri di storia ma che fa la storia umana, che intesse le ragioni del cuore e che sull'uscio, tra i balconi, davanti al mare non smette di narrare”, spiega Chiara Tortorelli. 

Attraverso un’attenta ricerca, effettuata consultando quotidiani e riviste d’epoca presso l’Emeroteca Tucci di Napoli, Chiara Tortorelli ha ricostruito storie sopite dalla polvere del tempo ma molto chiacchierate e discusse nella società partenopea di allora, tanto da finire sui giornali. E’ il vecchio pettegolezzo, oggi noto come gossip, sempre attuale e di gran moda o forse anche un modo per andare a fondo e conoscere la storia e i suoi personaggi anche attraverso particolari della vita privata e personale?

Autenticati