Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 125

Rassegna teatrale: qui fu Napoli, ecco il programma 2-31 ottobre 2021

Sesto appuntamento, domani 22 ottobre (ore 21) e venerdì 23 ottobre (ore 21), con la rassegna promossa dall’Associazione Consorzio “La Città Teatrale” di Salerno, “Qui fu Napoli… Qui sarà Napoli”. Questa volta l’appuntamento è al Teatro Ridotto di Salerno, dove la Compagnia Dell’Arte, diretta da Antonello Ronga, metterà in scena, con ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, “Eduardo Artefice magico.

Sempre più spesso si vedono in giro persone che accumulano cose, oggetti come se fossero un'ancora di salvezza verso un passato che è stato, o una possibile strada verso il futuro, un futuro che si spera migliore; mania sempre più diffusa sindrome dell’accumulo compulsivo… e se invece di accumulare oggetti, si accumulassero parole, e meglio ancora, le parole di un grande drammaturgo, parole che sono diventate letteratura, e perché no, anche leggenda? Se gli esuli della società di oggi accumulassero questo sapere, per cercare nel passato un futuro migliore? La Compagnia dell'Arte porta in scena uno spettacolo in cui cinque anime sono legate da un unico destino: trovare la salvezza. Salvezza che forse solo le parole possono dare. ”Il viaggio universale dei corpi, sempre più umanamente profughi, in questa società di anime di ogni tempo”.  Un viaggio nell'universo "eduardiano" quello intessuto dal regista Antonello Ronga che, ancora una volta rielabora un testo facendolo proprio, dando vita cosi ad uno spettacolo unico nel suo genere.

In scena: Valentina Tortora, Mauro Collina, Teresa Di Florio, Fortuna Capasso , e Vincenzo Triggiano

A trentasette anni dalla scomparsa del grande autore, le sue parole prendono vita in forma nuova, ancorate al futuro, scardinate dalla tradizione, e proiettate, verso un teatro che ascolta le parole di tutti.

Per informazioni e prenotazioni si può chiamare direttamente al botteghino del Teatro Ridotto

Autenticati