Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 361

ci sentiamo dieci volte al giorno' – that's amore! i 56 anni di matrimonio  vissuti a distanza di... - Cronache

Nei cinque anni di lavoro parlamentare, fianco a fianco, in Senato, nel corso della XVI legislatura, ho ammirato l’impegno e la coerenza di Diana De Feo, straordinaria giornalista culturale del TG1, prima che senatrice della Repubblica, nella battaglia comune per la regolamentazione del gioco d’azzardo.

Piango, con animo triste e con sentimenti di profonda gratitudine, la perdita di  un’amica preziosa, di una donna coltissima e sensibile, coraggiosa, anticonformista, intrepida e sempre schierata per la difesa dei diritti umani. Dei tanti ricordi amicali e delle molte condivisioni culturali, non dimenticherò mai il raffinato commento, che volle donarmi, nella Biblioteca “Giovanni Spadolini” del Senato, nel presentare la biografia su mio fratello Nello, “Cossiga Suite”, alla presenza del compianto presidente emerito della Repubblica, Francesco Cossiga. “Questo tuo poderoso romanzo, con la descrizione dell’epopea di una famiglia del Mezzogiorno, la tua, potrebbe anche essere intitolato gli ‘Annali del Sud’, così come Marguerite Yourcenar intitolò la sua epopea familiare, gli ‘Annali del Nord’. Non mi fa velo l’amicizia, nel confessare pubblicamente che il tuo romanzo mi ha emozionato molto, molto di più”. Grazie, Diana! Le mie sincere condoglianze a Emilio e alle vostre adorate figlie.

Autenticati