Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 417

Servizio su Iolanda di Savoia - Archivio storico Istituto Luce

Il 1 giugno, presso il Cimitero Monumentale di Torino, l’Associazione Internazionale Regina Elena ha commemorato Iolanda Margherita di Savoia Contessa Calvi di Bergolo, nata a Roma il 1º giugno 1901, primogenita di Re Vittorio Emanuele III e della Regina Elena. S.A.R. la Principessa Reale rinunciò ai suoi titoli per sposare a Roma, il 9 aprile 1923, il Conte Giorgio Carlo Calvi di Bergolo, Generale di Corpo d’Armata che comandò Roma città aperta fino al 22 settembre 1943, quando fu arrestato e deportato dai nazisti.

I Conti di Bergolo seguirono in Egitto i Conti di Pollenzo (titolo di cortesia scelto da Re Vittorio Emanuele III dopo l’abdicazione del 9 maggio 1946) e vi rimasero fino al 1948, poi si trasferirono a Roma nella tenuta di Capocotta, che oggi fa parte della tenuta di Castelporziano. Dalla felice unione nacquero: Maria Ludovica (24 gennaio 1924); Giorgio (1º - 7 marzo 1925); Vittoria Francesca (1927-85); Guja Anna (8 marzo 1930); Pier Francesco (1933-2012) il cui figlio Carlo Giorgio, nato a Roma il 9 luglio 1959, è l’attuale Conte. Iolanda di Savoia morì a Roma il 16 ottobre 1986 e fu sepolta accanto al consorte nel Cimitero monumentale di Torino. Nel 1919 Giacomo Puccini le dedicò l'Inno a Roma.

Autenticati