Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 960

Lo annuncia il ministro Franceschini: chiuderanno anche i musei - ArtsLife

“E’ chiaro che quello di oggi non è un punto di arrivo, ma di partenza, su cui costruire una prospettiva politica. Anche se avessimo 161 voti al Senato sarebbe un traguardo simbolico, ma la sostanza non cambierebbe. Un governo è forte se può contare su almeno 170 senatori. Ora quindi dobbiamo lavorare per rafforzarti”.

In una intervista a Repubblica il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini ammette l’indebolimento del governo ma rilancia indicando un allargamento della maggioranza: “Le maggioranze e i governi durano se hanno una prospettiva, una missione, un disegno politico, altrimenti sono solo alleanze temporanee con poco futuro. Oggi si tratta di fare di necessità virtù come quando, grazie a un patto tra avversari politici per evitare il voto e la vittoria dei sovranisti, nacque questo governo”, “è innegabile l'evoluzione dei 5Stelle verso una cultura di governo, al punto che la nostra ora può diventare una alleanza strategica per andare insieme alle elezioni. Oggi abbiamo una nuova opportunità per fare dl necessità virtù. In modo trasparente e senza scambi dl poltrone, alcuni hanno deciso di sostenere Il governo e altri, pur non votando la fiducia, hanno detto ‘per ora’, mostrando interesse per un nuovo spazio politico. Penso a diversi moderati di centrodestra, dall'Udc a Forza Italia alla componente di Romani e Quagliariello. In tutta Europa i leader del Ppe non capiscono questa anomalia, che vede solo in Italia le forze che aderiscono alla loro famiglia politica alleate dei sovranisti antieuropei”. È per questo che il premier si è impegnato per una legge elettorale proporzionale? “Per questo abbiamo offerto, e l'offerta resta in campo. di allargare la maggioranza a tutti i moderati che stanno con grande disagio in una alleanza a guida Salvini e Meloni, per sostenere una linea europeista e approvare una legge proporzionale che liberi il Paese da alleanze forzate. Per Forza Italia è una occasione: in quel partito c'è una contraddizione che prima o poi esploderà. Se non la coglieranno I vertici lo faranno altri al suo interno. Credo, anzi so, che ci sono molti forzisti interessati”. 

Autenticati