Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 861
Il giorno di Stellantis: le assemblee di Fca e Psa approvano la fusione -  La Gazzetta dello Sport
“Ora che la fusione fra FCA e PSA è definitivamente deliberata con la nascita del nuovo gruppo Stellantis, si apre un nuovo capitolo per l’industria dell’auto in Italia, che dovremo essere capaci di vivere da protagonisti”. Lo dichiarano Rocco Palombella, segretario generale della Uilm, e Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm responsabile del settore auto.
 “La nascita di Stellantis - spiegano Palombella e Ficco - presenta sia opportunità sia rischi per la nostra industria. Fortunatamente tutti gli stabilimenti italiani stanno ricevendo assegnazioni produttive e gli investimenti sono proseguiti nonostante il momento di emergenza causato dall’epidemia di Covid; questo ci mette in condizione di affrontare il prossimo futuro nella migliore delle condizioni possibili. Tuttavia ogni fusione nasconde anche dei pericoli, se non altro per via delle naturali sinergie che col tempo si sviluppano. A tal riguardo abbiamo ricevuto la formale rassicurazione di FCA che la fusione non determinerà chiusure, ma di certo sul lungo termine l’Italia dovrà saper fare sistema per assicurarsi un ruolo da protagonista, tanto più che i Francesi in molte altre vicende hanno già dimostrato di essere molto decisi a difendere i loro interessi nazionali; basti solo pensare che nell’azionariato di Stellantis è presente lo Stato francese”.
 
“In un certo senso - aggiungono Palombella e Ficco - si compie quella trasformazione, iniziata con l’acquisizione di Chrysler, della vecchia gloriosa FIAT in una realtà più forte e più grande, ma oggettivamente meno italiana. La tutela della filiera della componentistica sarà probabilmente una delle prime questioni che dovremo affrontare, non solo per le ricadute della fusione ma anche per i processi di fondo che stanno trasformando il settore automotive, vale a dire elettrificazione e guida autonoma. A tal riguardo sarebbe utile riconvocare quel tavolo sull’automotive che il Ministero dello Sviluppo economico tempo fa aveva insediato. Solo FCA in Italia conta oltre 50.000 dipendenti e la filiera complessiva dell’auto offre occupazione a centinaia di migliaia di persone”.
 
“Nel prossimo futuro - concludono Palombella e Ficco - ci aspettiamo di incontrare Stellantis per instaurare un proficuo confronto sul futuro e per conoscere l’amministratore delegato Carlos Tavares”.

Autenticati