Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 183

Sportello dei diritti - dalla parte dei cittadini - Un tribunale israeliano  ha sospeso l'asta di un kit per tatuaggi usato ad Auschwitz.

Un tribunale israeliano ha sospeso mercoledì l'asta di un kit per tatuaggi usato sui detenuti del campo di sterminio di Auschwitz, a seguito delle proteste dei sopravvissuti all'Olocausto.

Ottenuti da un collezionista privato, gli otto stampi in acciaio delle dimensioni di un’unghia, ciascuno rivestito con spilli per formare numeri, sarebbero stati premuti nella carne dei prigionieri con inchiostro per marchiare i loro numeri di serie. Il sito web del banditore Meir Tzolman lo aveva ritenuto “il più scioccante degli articoli sull’Olocausto”, con un valore di vendita previsto tra i  30.000 e i 40.000 dollari. L’offerta ha raggiunto i 3.400 dollari mercoledì, quando il tribunale distrettuale di Tel Aviv ha accolto la richiesta dei sopravvissuti di ordinare l’interruzione dell’asta in attesa dell’udienza del 16 novembre per decidere se procedere. Il sito web del banditore ha pubblicato l’avviso che la vendita era stata sospesa. Più di 1,1 milioni di persone, la maggior parte delle quali ebrei, furono uccise ad Auschwitz, tra i numerosi campi gestiti dalla Germania nazista sul suolo polacco occupato durante la seconda guerra mondiale. Era l’unica struttura che tatuava i detenuti. Yad Vashem, il centro mondiale per la memoria dell’Olocausto a Gerusalemme, ha affermato che dovrebbe essere l’istituzione a possedere oggetti come le matrici del tatuaggio. “Il commercio di questi articoli è moralmente inaccettabile e incoraggia solo la proliferazione delle contraffazioni“, ha affermato Dani Dayan, presidente di Yad Vashem. Israele, non ha leggi che impediscono la vendita privata delle reliquie dell’Olocausto.

Autenticati