Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 509

Biden Harris

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha annunciato che nel Paese sono state somministrate più di 150 milioni di dosi del vaccino contro il coronavirus.

Lo ha annunciato durante una visita al centro vaccinale della cittadina di Alexandria, in Virginia, precisando di essere pronto a raggiungere l’obiettivo dei 200 milioni di vaccini durante i primi cento giorni della sua amministrazione, ovvero entro la fine del mese di aprile. Nel corso della sua visita, Biden ha inoltre annunciato che dal 19 aprile tutti i cittadini adulti degli Stati Uniti potranno ricevere il vaccinoanti-Covid, eliminando di fatto le categorie prioritarie per la somministrazione. L’inquilino della Casa Bianca ha così anticipato a metà del mese di aprile un obiettivo fissato inizialmente maggio 2021. Biden confida sul fatto che gli Stati Uniti possano avere “molto presto” un numero di dosi del vaccino abbastanza elevato da consentire a Washington di condividere le forniture con il resto del mondo. Biden ha quindi evidenziato che per battere la pandemia “occorre una soluzione globale”.L’amministrazione però non sosterrà alcun sistema che imponga ai cittadini Usa di presentare credenziali per dimostrare di essere stati vaccinati. Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, precisando che “non ci sarà alcun database federale sulle vaccinazioni e nessun obbligo federale che richieda a tutti di ottenere una singola credenziale di vaccinazione”. La Casa Bianca, ha spiegato la portavoce, vuole essere sicura che “la privacy e i diritti degli americani” siano protetti. Quelli che comunemente vengono definiti “passaporti vaccinali” attualmente esistono solo nello Stato di New York, ad opera di una società privata.

Autenticati