Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 769

Status Quo: Coltan, l'oro nero del Congo

Gli oggetti tecnologici, che noi utilizziamo, vengono costruiti con un minerale particolare, il coltan, composto da una miscela di due ossidi, la colombite e la tantalite.

Si presenta sotto forma di sabbia nerastra e contiene una parte di uranio, elemento con un certo livello di radioattività, che provoca un gran numero di tumori. Viene utilizzata per la fabbricazione di telecamere, cellulari e molti altri apparecchi elettronici, poiché ottimizza il consumo della corrente elettrica nei chip di nuova generazione, portando perciò un notevole risparmio energetico. La parte orientale della Repubblica Democratica del Congo, la zona del Kivu, è la zona più ricca in assoluto di minerali e risorse di tutto il territorio congolese, ma è pure uno dei polmoni ecologici del mondo. Da anni è presa d’assalto da aerei provenienti dall’Europa, dall’America e dall’Asia che arrivano, caricano la sabbia preziosa e se ne vanno. Le grandi multinazionali sfruttano le miniere presenti nel territorio africano e, di conseguenza, i congolesi che ci lavorano, che vengono pagati all’incirca 200 dollari al mese. Un qualsiasi altri lavoratore congolese riceve una paga pari a 10 dollari al mese, perciò c’è una vera e proprio corsa a lavorare nelle miniere, non solo da parte dei congolesi ma anche di uomini del vicino Rwanda e dell’Uganda.

Autenticati