Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 139

VIDEO - Diocesi di Aversa , Sesta Domenica di Pasqua: il commento di Mons.  Angelo Spinillo -

Anche questa domenica, 22 maggio 2022, con il racconto del libro degli Atti degli Apostoli continuiamo a seguire la missione di Paolo e Bàrnaba. “Il popolo di Dio si va organizzando come comunità che vive nella comunione”, osserva Mons. Angelo Spinillo.

“La parola che spezziamo nella sesta domenica del tempo di Pasqua ci presenta la Chiesa nella sua bellezza, chiamata a realizzare in mezzo a noi la Gerusalemme Celeste, la Città del Cielo costruita con materiali preziosi, come ce la descrive l'Apocalisse di Giovanni”. È questa la chiesa che siamo chiamati a vivere: una chiesa in dialogo e chiamata alla libertà del bene. “Il bene non ha bisogno di tante regole, ce lo dicono gli stessi apostoli attraverso le letture di oggi. Bisogna essere però capaci di seguire quell’unico grande comandamento che il Signore ci ha dato: amare Dio sopra ogni cosa e il nostro prossimo come Lui”. Questo rende il cristiano libero di proporre e di creare occasioni di bene, pertanto la tensione del credente è proprio verso la bellezza e la bontà del vivere come figli di Dio. “Questo ci verrà a donare lo Spirito Santo e questo - conclude il vescovo di Aversa - lo comprendiamo dalle parole del Vangelo di Giovanni: Cristo Signore è venuto ad annunciare una pace vera, il desiderio di donare vita al mondo intero”.

Autenticati