Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 114

Il “Re Lear” di Luca Ferri approda al Teatro Giuffrè

Una nuova produzione contemporanea grazie alla riscrittura drammaturgica che contamina il testo originale, pur restando fedele a William Shakespeare nella sua forma più profonda. Domenica 8 maggio alle ore 18.30 c’è il penultimo appuntamento con la stagione teatrale del Giuffrè di Battipaglia dove è in programma “Re Lear”, per la regia di Luca Ferri che andrà anche in scena assieme a Luca Marchioro.

Un’antica storia di un re e delle sue tre figlie che è diventata una delle storie più potenti della letteratura occidentale. Sia un intimo dramma familiare che un esplosivo commento politico. In questo spettacolo, Ferri esplora con forza devastante le questioni più basilari dell’esistenza umana: amore e dovere; amicizia e tradimento; leadership e lealtà; destino e la schiacciante inevitabilità di una vita prossima alla fine.

LO SPETTACOLO  Sul palcoscenico un pavimento a scacchi a ricordare i movimenti studiati della corte, un divano come unica scialuppa con il mondo reale dove il protagonista incontra il suo analista, inizia il suo percorso introspettivo e ritorna per rifugiarsi nei momenti di maggior debolezza e paura. Un dialogo tra colui che chiede e colui che racconta diventa il preambolo per approfondire un mondo tanto surreale quanto estremamente vero, dove appaiono i fantasmi dei personaggi della storia. Sul filo sottile della ragione e della pazzia un paziente psichiatrico racconta nella sua seduta analitica più difficile e dolorosa il suo essere Re Lear. Esprime la sua realtà che appare agli occhi di tutti una lucida finzione ma, che col passare del tempo riesce ad instillare il dubbio della ragione. Un giovane monarca anziano o solo un uomo che crede di essere un re? Un regno distrutto o solo una famiglia persa per amore? La cecità della sanità mentale e la visione lucida di sciocchi e pazzi. Padri, figli e figlie, intrappolati nella tempesta della vita. In definitiva, Re Lear, più di ogni altro dramma, consente al suo pubblico di testare i limiti della resistenza di fronte alla mortalità e all’assenza di significato. È stato detto che solo la più grande arte sostiene senza consolare. Non c’è esempio migliore di questo di Re Lear.

IL PROSSIMO APPUNTAMENTO Chiusura della stagione teatrale affidata a “Nuie simm d’o’ sud” scritto e diretto da Marisa Laurito, che ne è protagonista assieme a Gianni Conte, in scena il 22 maggio, un concerto/spettacolo dedicato alla cultura, all’arte, alla bellezza dei sud del mondo.

INFORMAZIONI UTILI. Il costo dei biglietti singoli afferenti al cartellone varia da 15 a 20 euro. Il botteghino del teatro è aperto dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 20.00. È possibile acquistare i biglietti anche la sera dello spettacolo.

Autenticati