Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 234

Villaggio dei Ragazzi, il vescovo affida la guida spirituale ai Padri  Carmelitani

In occasione del tradizionale precetto pasquale, stamane, nella Chiesa di Santa Maria della Pace del Villaggio dei Ragazzi, gremita di studenti delle Scuole Superiori dell’Opera maddalonese, S.E. Mons.Rev.maPietro Lagnese, Vescovo della Diocesi di Caserta, ha officiato il Sacro Rito pre - pasquale, concelebrato da Padre Leonardo Cuccurullo della Chiesa della SS Annunziata e da Padre Edoardo Santo della Chiesa di Santa Maria Immacolata.

Presenti Felicio De Luca, Commissario Straordinario della Fondazione Villaggio dei Ragazzi, ed Andrea De Filippo, Sindaco della Città di Maddaloni. Nel corso dell’Omelia, il Vescovo Lagnese ha posto, tra l’altro, l’accento sulla guerra in Ucraina, invitando gli organismi internazionali preposti a continuare a lavorare incessantemente per fermare questa l’atrocità e ha chiesto agli studenti presenti di rendersi consapevoli che il Signore li ama profondamente, ragion per cui non devono accontentarsi ma coltivare i sogni grandi che Dio ha instillato nei loro cuori. Il Rito Sacro è stato anche arricchito dall’annuncio di una decisione importante da parte di Sua eccellenza, che ha affidato la guida spirituale dell’Opera all’Ordine cittadino dei Padri Carmelitani.  Prima del termine della Cerimonia è intervenuto il Commissario De Luca, che ha ringraziato il Vescovo per aver accolto l’invito a celebrare con la disponibilità e la premura che lo distinguono, nonché per la decisione presa in merito alla presenza dei Carmelitani al Villaggio, che sicuramente sarà di aiuto agli studenti nel loro percorso di crescita. Altresì, i sacerdoti concelebranti. “Dopo oltre due anni di pandemia e di restrizioni - ha affermato De Luca - ci accingiamo a trascorrere questa Festa all’insegna della Resurrezione, della Rinascita, del Rinnovamento e della Preghiera indirizzata verso la fine di una guerra che sta destabilizzando ulteriormente un mondo già reso fragile dagli eventi legati al coronavirus. L’auspicio è che questa crudeltà abbia subito termine e che la “mano di Caino”, di cui parla il vescovo di Napoli, Mons. Mimmo Battaglia, nella preghiera “Gesù nato sotto le bombe di Kiev", sia immediatamente fermata”. Questa la dichiarazione di Andrea De Filippo, Sindaco della Città di Maddaloni: “Il lavoro realizzato dal Commissario De Luca, che ringrazio, ci permette oggi di poter guardare al futuro di questa Fondazione con maggiore fiducia e speranza. La scelta di individuare i Padri Carmelitani, che rappresentano un consolidato ancoraggio di grandi valori, quali assistenti spirituali dell’Opera è certamente la migliore, in quanto rinnova e consolida il rapporto di grande intensità che gli stessi avevano con il fondatore”. L'evento è stato anche arricchito dalla donazione a tutta la Comunità della Fondazione della nuova edizione del Messale da parte dei docenti e del personale amministrativo della struttura e dalla benedizione impartita da Mons. Lagnese ai bambini dell’Asilo e ai ramoscelli di ulivo, simbolo della Domenica delle Palme. 

Autenticati