Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 385

Risultato immagini per ASSEMBRAMENTI NOTTUNI

I continui fenomeni di assembramento notturno verificatisi nelle ultime settimane al parco De Lucia e la graduale ascesa dei contagi da Covid-19 in tutto il Comune di Santa Maria a Vico, hanno indotto il sindaco Andrea Pirozzi – al termine dell’ultima seduta della Consulta della Sicurezza Urbana, tenutasi il 2 febbraio – ad emettere un nuovo provvedimento restrittivo.

Si tratta dell’ordinanza numero 36 del 4 Febbraio 2021 che stabilisce, nello specifico, il divieto di consumo di alimenti e bevande in spazi e luoghi pubblici. L’ordinanza ha validità dalla data di emissione e fino al 28 Febbraio prossimo. “Una misura – ha specificato il primo cittadino - che serve in qualche modo a rafforzare tutte le prescrizioni già note ed emanate dal Governo e dalla Regione Campania, come il divieto di mobilità delle persone in orario notturno ed il divieto di consumare cibo e bevande all’aperto, in quanto tra le principali cause di raggruppamenti nei luoghi di aggregazione e di potenziale rischio di contagio”.

La situazione resta sotto controllo e costantemente monitorata ma – avverte Pirozzi - “questo non deve farci rilassare anzi è importante continuare ad assumere un atteggiamento di massima responsabilità, rispettando le norme e le misure di prevenzione, perché tutti possiamo vivere al sicuro, tutelando il nostro bene più prezioso, la salute”.

Sul fronte dei contagi i casi registrati ad oggi sono 62 positivi con 756 guariti. La prossima settimana saranno fornite indicazioni circa la campagna di screening – già annunciata dall’amministrazione comunale – e che interesserà tutti gli alunni, compresi i loro familiari, e i docenti dell’Istituto Comprensivo.

Autenticati