Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 239

Confagricoltura e Uncai rinsaldano i rapporti tra agricoltori e  contoterzisti. Presentato il progetto normativo per l'agromeccanica –  Confagricoltura Asti

Tre nuove realtà uniranno, per la prima volta, i contoterzisti della Campania. Ieri, alla sede di Confagricoltura Benevento, si è riunito un gruppo di terzisti intenzionati a costituire due nuove associazioni, a Napoli e nella stessa Benevento.

Parallelamente, ed è la terza novità, tutte le associazioni di agromeccanici campane (Contoterzisti Piana del Sele, Contoterzisti Irpina e le nascenti Contoterzisti Benevento e Contoterzisti Napoli, tutte aderenti a livello nazionale all’Unione Nazionale Contoterzisti Agromeccanici e Industriali - Uncai) sono pronte a dare il via alla prima Federazione di imprese agromeccaniche campane. Registi dell’operazione sono Uncai e Confagricoltura.

Per Uncai erano presenti all’incontro il presidente Aproniano Tassinari, il coordinatore Fabrizio Canesi e il direttore tecnico Roberto Scozzoli; mente per Confagricoltura sono intervenuti Donato Rossi, delegato per le politiche agromeccaniche della Giunta Nazionale, Luca Ginestrini, direttore organizzativo, Fabrizio Marzano, presidente Confagricoltura Campania, Antonio Casazza, presidente Confagricoltura Benevento e Paolo di Palma, direttore di Confagricoltura Campania.

Il contoterzismo vale in Campania 450 milioni di euro l’anno, il 13% del valore del comparto primario campano. In provincia di Benevento, dove l’agricoltura rivestire un ruolo di primo piano nell’economia locale, contribuendo al valore aggiunto per il 5,23%, circa 2,5 punti percentuali in più rispetto alla media regionale, i contoterzisti sono al fianco degli agricoltori nella coltivazione di cereali, vite, ulivo e tabacco su 108.000 ettari di SAU. Nella provincia di Napoli, su una superficie di oltre 46.000 ettari, collaborano invece alle produzioni di frutticole, orticole e fiori e piante ornamentali.

Proprio la centralità dei contoterzisti nel garantire sostenibilità e sviluppo al comparto agricolo campano ha promosso l’intenzione di avviare un percorso comune di presenza territoriale a supporto della categoria. “Le associazioni Contoterzisti Benevento e Contoterzisti Napoli dovranno rappresentare un punto di riferimento tecnico, fiscale e sindacale per tutti le imprese agromeccaniche delle due provincie”, ha auspicato a più riprese il Presidente Uncai, Aproniano Tassinari, “vi è, poi, la necessità di presentare il comparto agromeccanico in tutte le sedi regionali per la qualità e professionalità dei suoi interventi al servizio di un’agricoltura responsabile e moderna. Da qui la volontà di costituire, in tempi brevissimi, anche una confederazione regionale con Avellino e Salerno”.

Autenticati