Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 155

Da donna a donna ricuciamo i legami - Fondazione della Comunità Salernitana

Nuovo appuntamento per “Da donna a donna. Ricuciamo i legami”, l'iniziativa promossa dalla Fondazione della Comunità Salernitana e patrocinata dal Comune di Salerno (che sarà presente con l'assessore alle Politiche Sociali Paola De Roberto), dal Comitato femminile plurale di Confindustria e dal Cif – Comitato imprenditoria femminile della Camera di Commercio.

Sabato 5 marzo alle 15, nel cortile della casa circondariale di Fuorni si terrà un concerto affidato al gruppo I Picarielli, per regalare un momento di gioia alle detenute e promuovere le attività del laboratorio di cucito presente all'interno del carcere. La direttrice Rita Romano, in occasione della festa della donna che sarà celebrata martedì 8 marzo, ha deciso di dare risalto al loro lavoro con un progetto ambizioso, promosso dalla Fondazione, che mira a sostenere la realizzazione e la produzione di shopper d'autore.

Il ricavato delle vendite servirà a finanziare la sartoria, oltre che l'attività delle stesse detenute e a gettare le basi affinché il lavoro finora intrapreso possa proseguire anche quando avranno scontato la pena. L'obiettivo è infatti quello di riuscire a garantire un futuro professionale a tante donne che, terminato il periodo di reclusione, dovranno reinserirsi nel tessuto sociale.

L'iniziativa nasce anche per dire no alla violenza sulle donne, per rivendicarne i diritti, per dimostrare che l'unione fa la forza e che la rete può riuscire ad essere al fianco di chi è in difficoltà. In particolare a pochi giorni di distanza dall'ennesimo femminicidio che ha strappato all'affetto dei suoi cari la giovane donna di Pontecagnano, Anna Borsa, trucidata dal suo ex compagno.

“Vogliamo superare la divisione che esiste tra il dentro e il fuori di un carcere – spiega Antonia Autuori della Fondazione della Comunità Salernitana– facendo conoscere le attività svolte e ponendo le condizioni utili per fare in modo che le competenze acquisite possano trasformarsi in una concreta opportunità di sviluppo, di crescita e di riscatto”. Sponsor dell'iniziativa è Industria grafica FG.

Autenticati