Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 199

La risposta di Ofelia, Viola di Caprio al Teatro Genovesi sabato 22 e  domenica 23. — Gazzetta di Salerno

Sabato 22 (ore 21.15) e domenica 23 gennaio (ore 19) al Teatro Genovesi a Salerno nell'ambito della sezione “eXtrafeStivalXS 2022” andrà in scena lo spettacolo “La risposta di Ofelia” di e con Viola di Caprio.  Una riscrittura che rimette al centro il personaggio di Ofelia, così fragile e drammatico, in bilico tra il dolore per la morte infelice del padre e un amore degradato e deluso.

Sola in scena Ofelia (di Caprio) dialogherà con gli altri personaggi dell’Amleto: Polonio suo padre (voce di Lucas Tavernier); Laerte, suo fratello (voce di Miha Bezeljak) e lo spettro di Amleto, defunto re di Danimarca (Yuri Grandone).

Ofelia è una giovane donna, abitante di un castello di cui conosce solo la sua stanza, che è un luogo incantato dove trascorre il tempo, tra fiori e personaggi della sua immaginazione. A sua insaputa, in quel castello, si svolge il dramma shakespeareano dell’Amleto, cui lei non prende parte. Nulla le viene comunicato da Amleto, in merito alla visione dello spettro, che pone fine alla loro storia e dà inizio alla tragedia; nulla le si dice sulla morte del padre. Non ha status Ofelia, è una donna senza marito, senza figli, presto senza padre, che riceve solo veti come unica forma di dialogo che la veda in qualche modo coinvolta. Ma in quella stanza, forte della memoria della madre (Fata), un personaggio stravagante, forse frutto della sua stessa immaginazione, che le dà coraggio e ascolto, capisce di avere diritto di replica; capisce di non voler far parte di un mondo che la relega al silenzio e all’obbedienza. La sua fine è una scelta, che passa anche dall’appropriazione di un monologo dell’essere o non essere: si riscopre nobile, pura, altamente morale, senza la virile forza che fa l’eroe ma con la femminile grazia che, con amore, si dissocia. 

Si ricorda che è stato pubblicato il cartellone della 13esima edizione del Festival Nazionale Teatro XS Città di Salerno 2022. Il primo spettacolo che era in programma domenica 30 gennaio “Signorina Julie” è rinviato a domenica 8 maggio. L'apertura del Festival XS slitta a domenica 13 febbraio con lo spettacolo “Kraken” di Patrick Quintal (traduzione di Eva Franchi) con la compagnia del Teatro dei Dioscuri di Campagna. Costo abbonamento ai 9 spettacoli è di 80 euro; costo singolo spettacolo 12 euro.

Autenticati