Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 151

COMPOSTAGGIO

La decisione del Comune di Pontecagnano di sottoscrivere un accordo con la Regione e il Comune di Giffoni V.P. per la realizzazione di impianti per il trattamento dei rifiuti, firmato il 26 marzo 2019, prevede che il nostro comune ospiti un impianto di compostaggio anaerobico per il trattamento di 30.000 tonnellate di FORSU che occuperà un’area di 60000 mq.

A suo tempo ci siamo posti il problema di conoscere le caratteristiche di questo impianto e soprattutto dove dovrebbe essere collocato sul nostro territorio. Abbiamo richiesto, attraverso un accesso agli atti, di ricevere i documenti di progetto da parte degli uffici comunali. La risposta ricevuta conferma in nostri timori: “con la presente si rappresenta che l’idea progettuale di che trattasi è ancora allo stato embrionale e che sono ancora in corso di definizione con la Regione Campania le possibili scelte per l’individuazione del sito di localizzazione dell’impianto.” Quindi l’Amministrazione ha firmato un protocollo di intesa senza alcuna informazione sulle caratteristiche dell’impianto di compostaggio, neanche a livello di progetto di massima, per una valutazione attenta sia sulla opportunità di ospitarlo sia sulla esistenza di un’area capace di ospitarlo. La cosa grave è che il suddetto protocollo all’Art. 12 (Vincolatività dell’Intesa) recita: “Le parti si impegnano a rispettare quanto previsto nel presente Protocollo d’Intesa e a compiere tutti gli atti applicativi e attuativi necessari alla sua esecuzione, impegnandosi a non porre in essere atti successivi che violino od ostacolino il medesimo o che contrastino con esso.” Questo significa che l’Amministrazione ha firmato un accordo vincolante non solo senza confrontarsi con la città ma anche senza alcun approfondimento e valutazione tecnico ambientale da parte degli uffici preposti. La necessità di rivedere l’accordo sulla base di un impianto di compostaggio già esistente, quello di Salerno, o di un impianto tarato sulle strette esigenze del nostro Comune ci sembra l’unica soluzione per rendere questo accordo accettabile da parte dei cittadini. La proposta, da noi condivisa, è stata inviata all’Amministrazione dal comitato TutelaAmbiente in occasione dell’incontro “Partecipa” e ci auguriamo che venga discussa e quanto prima in un Consiglio Comunale dedicato.

 

Autenticati