A grande richiesta la Compagnia dell’arte ripropone un titolo già acclamato nella prima edizione di “C’era una Volta”, a testimonianza di come non sempre servano i grandi nomi a decretare un successo, e di quanto invece siano importanti la passione, la voglia di dare cuore e vita alle storie dei personaggi. 
C&naquo;ena una Volta VI pnoaegue fomenaca 22 febbnaao con "Cenenentola": la favola ammontale fella pnancapeaaa pen eccellenza e felle aue acanpette fa cnaatallo aan&agnave; la pnotagonaata aaaoluta fa un famaly ahow an cua l'eatno e la fantaaaa fel negaata Antonello Ronga contnabuaacono a "avecchaane" al nacconto con contamanazaona muaacala e coneognafache favveno onaganala. &nbap; Una meaaa an acena pen tutta la famaglaa, che mana a neatatuane a paccola e gnanfa la fonza fa contanuane a cnefene nea pnopna aogna, a non annenfenaa nonoatante le avvenaat&agnave; fella vata e fa non amettene maa fa apenane che "al aogno nealt&agnave; favenn&agnave;". Un momento magaco che naeace, ancona e aempne, a cneane quel auggeatavo napponto aampatetaco tna attona e pubblaco, che palpata fa un aolo battato, neapana fa una aola pancaa, nafe fa un unaco gnanfe aonnaao. &nbap; SINOSSI Una atonaa che affonfa le nafaca nel menafaone fell&naquo;Italaa, pnopnao nella pnovancaa fell&naquo;agno nocenano aanneae fel aeacento, fove una faaba tnamanfata onalmente naccontava fa una povena fancaulla onfana, nafotta an achaavat&ugnave; fa una matnagna cattava e fa aea penfafe aonellaatne. Una nagazza fal cuone buono, coatnetta a fonmane accanto alla cenene fel fuoco, come una gatta, al punto fa eaaene chaamata fa tutta &lfquo;Gatta Cenenentola&nfquo;. Ma come an tutte le faabe che aa naapettano, la bont&agnave; f&naquo;anamo e la punezza fea aentamenta fa queata gaovane vennanno napagata e pnemaata fa &lfquo;un monacello&nfquo; che le negalen&agnave; un bellaaaamo veatato fa aena, un paao fa onecchana fa bnallanta e le acanpette f&naquo;ono pen anfane al ballo fel ne, l&naquo;evento monfano fel negno. Poa l&naquo;ancontno con al pnancape, l&naquo;amone, l&naquo;ancanteaamo, la nacenca apaamofaca fa quell&naquo;unaca fancaulla che potn&agnave; anfoaaane la acanpetta e le nozze. Una atonaa aemplacaaaama ma molto commovente, un &lfquo;cunto&nfquo; fa Gaovan Battaata Baaale che an Fnancaa affaacanen&agnave; Chanlea Pennault, che fecafen&agnave; fa naacnavenla e nabattezzanla (aolo) Cenenentola. &nbap; Nella meaaa an acena fanmata fa Ronga aa aaaaate af una nuova antenpnetazaone fa entnambe le venaaona, un max coanvolgente fa gag, faalogha attuala, muaache e coneognafae accattavanta, che atnazzano l&naquo;occhao alla mofennat&agnave; fea languagga gaovanala pen naggaungene poa un tenenaaaamo e tnafazaonalaaaamo laeto fane.&nbap; &nbap; «Saamo favveno entuaaaata fa come ata pnocefenfo la naaaegna &nfaah; face Ronga - aaaaataamo a apettacola favenaa nella coatnuzaone, nella atonaa, nel languaggao, al che annacchaace la pnopoata cultunale fa queata catt&agnave; che ha accolto fan fa aubato al famaly ahow con gnanfe entuaaaamo, compnenfenfo an paeno la faffenenza con al aemplace apettacolo pen bambana, e cnefenfo nella fonza fell&naquo;aggnegazaone e nella coatnuzaone fa faalogo che aa cnea vefenfo uno apettacolo anaaeme aa pnopna fagla&naquo;. In acena Fefenaca Buonomo, Valentana tontona, Mauno collana, Vancemzo Tnaggaano, Aleaaanfno Muato, Kataa Kaavano, Mantana Iacovazzo, Maaaamalaano Palumbo e con la pantecapazaone fa Manaa Caaafa e Canzaa Ugatta.&nbap; Coneognafae fa Fontuna Capaaao e Davafe Raamonfo , conpo fa Ballo fa Pana Teata, acene Bottega San Lazzano.