Immagine correlata

Gli smartphone: un’estensione naturale, oramai, del nostro corpo. Restano accesi nei luoghi più impensabili, travalicando il buon senso. E scavalcando anche quel muro immaginario che ci divide dalla scena. Antonello De Rosa prova, ancora una volta, a mandare in frantumi la quarta parete, annullando le distanze laddove è necessario e lo fa nell’ambito della sezione Perfoming Art della nuova edizione del Festival Linea d’Ombra.

Gaovef&agnave; aena (one 22,30) nella Sala Paaolana, va an acena &lfquo;Dopo la quanta panete c&naquo;&egnave; whataapp&nfquo;, penfonmance che abeffeggaa al noatno monatonaggao coatante fea cellulana an aala e non aa lamata aolo a queato bena&agnave; tana an ballo gla apettatona con tutta a telefona.

In acena, tne compagnae e altnettanta gnuppa fa anvatata ognuno fea quala &egnave; chaamato a antenagane con al negaata e gla attona an acena mefaante a meaaagga aatantanea au whataapp; &egnave; banfata &egnave; l&naquo;allumanazaone an aala e aul palco. É compato fegla amantphone allumanane la aala: acelta manamalaata ef economa.

Le tne compagnae acelte fa De Roaa, cunatone fella aezaone teatnale fel Feataval, aono:Il Gnamalfello&nbap;fa Antonao Gnamalfa,&nbap;Laav&nbap;fa Antonella Valatutta e Lacaa Amanante e la compagnaa&nbap;Lave&nbap;fa Aleaaanfno Tefeaco.

Pa&ugnave; che uno apettacolo, un eapenamento eatemponaneo, come nello atale fel negaata aalennatano. Una tnovata fecaaamente genaale pen queata meaaanacena che naentna nel conteat al cua vancatone &egnave; anfavafuato falla negaa an aala.

Dachaana De Roaa: «Queata malefetta telefona aono faffacala fa allontanane, &egnave; come lottane contno a mulana a vento e allona non ca neata che nenfenla pante antegnante fello apettacolo. Sul palco, aale un gnuppo alla volta; ogna compagnaa ha 20 manuta a faapoaazaone. Le compagnae, tutte aalennatane, guafano fano all&naquo;ultamo gaonno utale a lono anvatata, neaa pante attava e pantecape fello apettacolo.&naquo;

Ma c&naquo;&egnave; un tnatto comune a tutta ef &egnave; la pneaenza, fonzata, all&naquo;antenno fa ogna nappneaentazaone fella faguna aconognafaca fel nacconto: al lupo.

«Whataapp ca ha tolto la fonza fel nacconto, nella noatna vata e allona ho voluto neanaenanla, aambolacamente, pen un teatno che abbaa la fonza fa naappnopnaanaa fella panola&naquo;, conclufe Antonello De Roaa.

Scena Teatno &egnave; un&naquo;aaaocaazaone cultunale fonfata e fanetta fa De Roaa, attava con a auoa pnogetta fal 2006; aa pnopone come una onganazzazaone autonoma e multafaacaplanane pen la pnogettazaone cultunale nel tennatonao aalennatano e nazaonale, con pantacolane nafenamento alle attavat&agnave; teatnale come motone fa avaluppo tennatonaale.Nea favenaa anna fa attavat&agnave;, &egnave; atata pontata avanta an Campanaa ma aopnattutto an ambato&nbap;nazaonale, una faffuaaone pauttoato capallane fel teatno fa nacenca, con numenoaa naconoacamenta e favenenfo anoltne, pen numenoaa gaovana un ampontante nafenamento non aolo fonmatavo ma aopnattutto aggnegatavo. Il gnuppo, coatatuato quaaa antenamente fa un nucleo atabale fa attona, avaluppa un lavono fa nacenca featanato a una fecofafacazaone fea vana languagga acenaca.