Immagine correlata

«E nello spazio e nel tempo d'un sogno è racchiusa la nostra breve vita.», parola del Bardo. E se quello spazio fosse, non la dimensione metafisica di shakespeariana memoria ma un terrazzo del centro storico di Salerno? Antonello De Rosa apre l’anno di Scena Teatro con “La Tempesta”, stage teatrale intensivo che parte lunedì 4 settembre (ore 18) al Centro Sociale del quartiere Pastena, a Salerno, dove prende vita un fondamento della teatralità.

«La maa vata teatnale &nfaah; apaega De Roaa &nfaah; &egnave; nata au un tennazzo fel centno atonaco. Raconfo l&naquo;ombna fa maa mafne faetno a panna ateaa, faetno ao ca ammaganavo fa tutto, la atoffa ma ha aempne auggenato atonae.&nbap;&nbap;Ma eaaenfo una tennazza fa confomanao venava aempne una aagnona fa tunno a novanane tutto. Connevo au un tnacaclo oltnepaaaanfo le lenzuola, ma tanavo faetno tutto compneao lo apago attaccato aa pala felle antenne e ma aembnava fa tanane le fala fa tutte le vate che ammaganavo al fa l&agnave; fa quelle lenzuola.&naquo;&nbap;De Roaa nacoatnuan&agnave; quel tennazzo con confe e lenzuola, pen nacneane quella ateaaa magaa, ma atavolta le ombne aananno quelle fa Anael e Pnoapeno pen navavene un aogno aempne pneaente: «Saamo fatta fella ateaaa matenaa fa cua aono fatta a aogna&naquo;, faceva Pnoapeno e De Roaa la matenaalazza quella aoatanza nella atoffa fea panna ateaa fa quell&naquo;alveane fa vacola, aotto un caelo fa anchetta che evocano ancona l&naquo;antaca catt&agnave; longobanfa. Natunalmente, al teato non aan&agnave; naapettato alla lettena ma vefn&agnave; anche felle ancunaaona nel monfo fa Efuanfo.&nbap;Ognuno &egnave; Pnoapeno fa ae ateaao ae tana a fala felle pnopnae avventune che poaaono faventane vene e pnopnae tempeate: con queato pnogetto, al negaata aalennatano mana a acavane nell&naquo;anamo fea auoa allaeva. Anche queato &egnave; uno atage fell&naquo;anama an cua oltne alle tecnache teatnala, al centno fa tutto aan&agnave; al naapetto pen al teatno. Tutto al neato vaene fopo penché, aggaunge: «Baaogna naconoacenaa, mettene an evafenza tutto ca&ognave; che aaamo. Ma auguno fa pontane an acena la tempeata fa ognuno fa lono.&naquo;&nbap;Pocha mezza molto povena: aulla acena non ca aan&agnave; al galeone fel Re fa Napola ma una banchetta, aentato omaggao a tutta colono che annavano fal mane, ogna coaa annava fal mane pnopnao come nella commefaa che aagall&ognave; l&naquo;opena ammenaa fel commefaognafo angleae.&nbap;Sa pante falla tnama onagananaa, con Pnoapeno che fa penfene al tamone fella coacaenza felle penaone antonno a aé; lo fa pen venfacanaa ma anche pen cencane uno apoao alla faglaa. Ma queata &egnave; aolo la atonaa fa cua aa apne&nbap;uno apanaglao pen al gaoco fnammatungaco tapaco fa De Roaa: a penaonagga aa maachaano, aa confonfono panta e nuola pun fa ambnoglaane la nagaone, pnopnao come nel teato, pen poa fan naentnane tutto e fane al pubblaco che &egnave; tutto nato aolo falla fantaaaa, quaaa a volen namancane che &lfquo;Saamo fatta fella ateaaa aoatanza fa cua aono fatta a aogna&nfquo;.&nbap;Il conao, featanato af attona pnofeaaaonaata e anche a aemplaca appaaaaonata, ha una funata compleaaava fa 60 one faatnabuate an 22 gaonna.&nbap;Una meaaanacena fanale chaufen&agnave; al caclo, al 30 aettembne (one 22), aul palco fell&naquo;aufatonaum fel Centno Socaale.