Risultati immagini per ALESSANDRO D'AURIA BAND

Da Dublino a Belfast, da Cork a Galway. Dai grandi festival irlandesi al Nottingham, lo storico irish pub della provincia di Salerno, per festeggiare la Festa di San Patrizio venerdì 17 marzo alle ore 21 (via del Centenario 109, Battipaglia, ingresso libero).

Una grande festa a tema per il “carnival of fools”, ovvero il “carnevale dei folli”, durante la quale il locale si colorerà di verde, tra trifogli, piatti tipici della tradizione, tanta birra ed estrazione di gadget ogni venti minuti. On stage un artista poliedrico che spazia dal live show con band dal vivo al teatro di prosa, fino ad arrivare al musical theatre, Alessandro D’Auria che, in dieci anni, dalla laurea in  Biotecnologie mediche si ritrova a declamare versi e a cantare canzoni. Determinante l’incontro con Massimo Ranieri durante la trasmissione “Il Treno dei Desideri” di Antonella Clerici. Un momento cruciale nella vita di Alessandro che, così, riesce a sciogliere la sua creatività e la sua energia. “La strada è ancora lunga. C’è tanto da imparare – e citando Forrest Gump aggiunge – La vita è davvero una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che può capitare”.

Insieme a quella che definisce la sua “one band show”, con Alessandro Vitiello alle chitarre, Toni De Cola alla batteria e Casimiro Erario alle tastiere, Alessandro travolgerà il pubblico del Nottingham con una performance che punta al sano divertimento e all’allegria, con una selezione che si allarga dal pop italiano al rock, ai medley anni ’70 e alla disco dance. Non mancheranno, in linea con la Festa di San Patrizio, brani folk tipici della tradizione celtica.

“Osservo molto il pubblico, cerco captarne gli umori. Non c’è mai nulla di predefinito e se qualche scelta non si rivela giusta, cerco subito di cambiare fino a trovare il suono più giusto – spiega Alessandro - Una volta partiti, poi, è difficile fermarci. I musicisti della band sono fenomenali e senza di loro non potrei cambiare, inventare, improvvisare ogni sera uno show unico e sempre diverso”.