Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 152

Risultati immagini per DE LUCA E MATTEO RICHETTI

“Ci sono una serie di personaggi che cercano di farsi pubblicità gratuita strofinandosi su De Luca, perché sono una tale nullità che se non litigano con me non se ne accorge nessuno”. Lo ha detto a Radio Crc, durante la trasmissione Barba e Capelli, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, rispondendo a una domanda sulle dichiarazioni del candidato alla segreteria del Pd, Matteo Richetti, che aveva detto di volere un partito senza “figli di papà”.

“I miei figli sono ragazzi che vivono del proprio lavoro e della professione, e non di politica politicante come il signore di cui sopra – ha detto ancora il governatore - siamo un paese di barbari e quando qualcuno non ha niente da dire scivola sulla volgarità e sulla barbarie. Detto questo, il Pd vive una situazione seria, grave, che chiede un’analisi seria che non è stata ancora fatta. Se io dovessi spiegare a un cittadino normale per quale motivo abbiamo perduto, come Pd, la metà dei voti in pochi anni io non saprei cosa dire. Premesso che il Pd, in qualche modo, ha salvato l’Italia perché la situazione era drammatica e potevamo fare la fine della Grecia, ci sono state anche decisioni che un poco alla volta ci hanno fatto perdere consenso: mondo della scuola, mondo della Pubblica amministrazione, codice degli appalti, riforma delle province. Poi i due temi centrali: sicurezza e lavoro. Io cerco di affrontarli ma i dirigenti nazionale sempre sordi. Minniti ha fatto un lavoro intelligente sulla migrazione. Ma dobbiamo affrontare il problema della sicurezza urbana altrimenti ci separiamo dalla gente normale”.

Autenticati