Risultati immagini per SBUROCRATIZZAZIONE DELLE AZIENDE CAMPANE

“L’obiettivo è fare un ulteriore passo avanti verso la sburocratizzazione e semplificare la vita alle imprese. L’altra sfida per noi fondamentale è quella di portare l’innovazione all’interno degli enti pubblici, quindi la nostra piattaforma consente un accesso facilitato all’innovazione, un matching tra domanda e offerta, e il Mepar, che è il mercato regionale per la P.A. resta il luogo dove si facilitano gli acquisti tradizionali però con un metodo innovativo”.

Lo ha dichiarato Valeria Fascione, assessore alle Start Up e all’Innovazione della Campania, durante la conferenza stampa con il Presidente Vincenzo De Luca, il presidente di Confindustria Campania Ambrogio Prezioso, i vertici della società Soresa e di Agid.
‘Openinnovation.campaniacompetitiva.it’ è l’indirizzo della piattaforma da dicembre già on-line per la consultazione, che mette in relazione domanda di innovazione dei big player industriali e l’offerta di innovazione del tessuto delle start up innovative e delle pmi presenti sul territorio campano. “Chiunque può iscriversi e creare gruppi di lavoro comune – ha aggiunto la Fascione – a marzo ci sarà l’accesso definitivo per iniziare con i progetti. La piattaforma infatti consentirà alle grandi e medie imprese di lanciare delle sfide, fare richieste di innovazione. A queste richieste risponderanno le piccole imprese, le startup o singoli innovatori, proponendo delle soluzioni. A questo punto si crea il matching tra la domanda e l’offerta e la grande azienda o chi ha lanciato la sfida, può scegliere tra le soluzioni proposte. Infine si avvia direttamente il contatto. È un processo molto veloce e semplice”. “Le risorse previste sono di 5 milioni di euro e saranno a disposizione per le gare destinate ai soggetti che accompagnarenno i matching. Questa campana – ha poi concluso- è l’unica piattaforma in Italia che lavora così, rispetto alle altre per esempio noi coinvolgiamo anche la parte pubblica compresi i comuni”. La piattaforma ha due anime: una privata (grandi imprese vs. Startup e PMI Innovative) una pubblica (PA vs. Startup e PMI Innovative). Coinvolta la Soresa che avrà il ruolo di condurre la piattaforma garantendo la correttezza degli scambi e, lato pubblico, il rispetto della normativa in materia di appalti. Per la conclusione di contratti il cui contraente sarà una Pubblica amministrazione, vede il coinvolgimento
di Agid che dovrà sovrintendere e verificare che le istanze di innovazione accese all’interno della piattaforma siano conformi alle specifiche di cui alle Direttive CEE in materia di innovazione (NB è anche possibile che AGID partecipi con un contributo alle spese di avvio e conduzione della piattaforma ).