Risultati immagini per FRANE AD ISCHIA

servizio di GENNARO SAVIO

Le pinete di Ischia sono chiuse al pubblico nonostante da alcuni giorni l’allerta meteo sia passata. Evidentemente gli amministratori comunali ischitani si sono resi conto della pericolosità di decine e decine di pini secchi presenti al loro interno e per questo a potenziale rischio crollo.

Se è così, peccato che se ne siano accorti con sei anni di ritardo rispetto alle nostre segnalazioni e ai nostri servizi giornalistici. Infatti è dal 2012 che il PCIM-L, guidato dal Segretario generale Domenico Savio, denuncia a tutti i livelli istituzionali la moria di pini e il potenziale pericolo che rappresentano per la pubblica incolumità. Pini che non sono mai stati curati dai rappresentanti delle Istituzioni competenti a partire dall’attuale e dalle passate amministrazioni comunali e che per questo sono morti di marchellina ellenica o per l’attacco di altri parassiti: che vergogna! E nonostante siano seccati completamente e per questo rappresentano un serio pericolo per pedoni ed automobilisti, da anni non si provvedea rimuoverli. Eppure insistono finanche su strade centralissime e frequentatissime come via Alfredo De Luca, via Antonio Sogliuzzo, via Fondobosso, a piazza degli Eroi, nel parcheggio del palazzetto dello sport e in via Leonardo Mazzella, tanto per citarne solo alcune. Intanto nella pineta Mirtina, a dimostrazione che avevamo e abbiamo ragione sulla pericolosità dei “cadaveri dei pini” presenti su tutto il territorio comunale, abbiamo filmato e fotografato un pino crollato in questi giorni. Così come si può osservare dal vialetto pedonale di via Francesco Sogliuzzo, la base del tronco fracido di questo albero ormai privo di linfa vitale da tempo, si è spezzato e si è appoggiato su un altro pino secco piantato al suo fianco. Si tratta di una situazione allucinante che non risparmia nessuna zona del nostro comune. Il Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista chiede, per l’ennesima volta, all'amministrazione comunale di Ischia, guidata dal sindaco Enzo Ferrandino, che vengano rimossi ad horas tutti i pini secchi e quelli paurosamente inclinati presenti nei parchi pubblici e lungo le strade comunali, che vengano individuati e curati i pini malati e che venga effettuata la perizia statica su tutti quei pini che apparentemente godono di buona salute.