295542 0 0

Si è tenuto ieri, 15 aprile 2018, a Napoli, in Piazza del Plebiscito, di fronte alla Prefettura, un sit-in con cui diversi attivisti campani, dei movimenti antirazzisti e pacifisti, rispondevano all’appello nazionale delle Realtà Antirazziste Siciliane a sostegno del dissequestro delle due navi Open Arms della ONG spagnola Proactivae Iuventa della ONG tedesca Jugend Rettet, bloccate rispettivamente nei porti di Ragusa e Trapani con l’accusa di aver salvato, nel Mediterraneo, vite umane in fuga disperata dai loro paesi di origine.


Un sequestro che, per il suo incomprensibile perdurare, sta oggi offrendo il fianco a chi, qui in Italia, ha deciso di ostacolare qualsiasi azione di solidarietà nei confronti di migranti che in tal modo vengono rispediti in Libia in cosiddetti “centri di accoglienza” che altro non sono che “centri di disumanità”, come confermato dagli stessi rappresentanti ONU.
E’ questo ciò che Padre Alex Zanotelli ed un delegato del Comitato Pace e Disarmo della Campania hanno riferito alla dott.ssa De Martino, funzionario della Prefettura napoletana, sottolineando la mobilitazione di livello nazionale sul tema ed illustrando il contenuto dell’appello al dissequestro, affinché il medesimo venga consegnato al Prefetto napoletano e al Governo Nazionale, a favore di una risoluzione positiva dell’incomprensibile e preoccupante vicenda.