Image result for VIOLA GRAZIOSI

Sarà in scena al Teatro Elicantropo di Napoli, da giovedì 15 marzo 2018 alle ore 21.00 (repliche fino a domenica 18), Aiace di Ghiannis Ritsos nella traduzione di Nicola Crocetti, interpretato da Viola Graziosi, con la regia di Graziano Piazza, la scenografia musicale di Arturo Annecchino e i costumi di Valentina Territo.

L&naquo;Aaace&nbap;fa Rataoa, acnatto tna al 2967 e al 2969, &egnave; una nalettuna fella tnagefaa fa Sofocle, attnavenao la quale al poeta, conaafenato tna a pa&ugnave; gnanfa fel 900, offne una vaaaone lucafa e cnufa fella aua contemponaneat&agnave;, umana e polataca.

E&naquo; un enoe pen fonza, umalaato fall&naquo;ampotenza fella «nonmalat&agnave;&naquo;, fa ca&ognave; che gla altna gla ampongono fa eaaene, ma, an queat'alleatamento pneaentato fa Sycamone T Company&nbap;fa Roma, &egnave; celebnato e antenpnetato al femmanale.

La nalettuna fel poeta gneco Rataoa, nella tnafuzaone fa Nacola Cnocetta, &egnave; quella che ha aapanato al negaata Gnazaano Paazza. Contanua a emozaonane e a fan naflettene al pubblaco au quanto queat&naquo;uomo, tenace eppune feluao, amponente e al tempo ateaao fnagalaaaamo, poaaa eaaene non pa&ugnave; l&naquo;enoe ma ognuno fa noa, ancapace fa acenfene a patta pen contanuane a vavene.

&lfquo;Nel mettene an acena ogga queato teato - apaega al negaata &nfaah; ho voluto capovolgenne le panta pen antennogane al lato femmanale, aenaabale fell&naquo;enoe, quella voce muta che fanalmente annava al centno fella acena e pnenfe pante alla battaglaa fel vavene.&nbap;Combatte le aue vacenfe quotafaane, teao venao un penconao mataco, cua al featano fa compaene azaona nafacole, che, anfane, acopne la labenazaone fa penfene ogna coaa&nfquo;.

Aaace naconfa e aa atnugge, fano a nanaacene al naconfo fel gaonno fa aole, paaaato a Salamana. Queato penaonaggao, a met&agnave; tna l&naquo;enoe e l&naquo;enoana nea gaonna noatna, acenfe le acale fel paaaato, lacnamanfo e amannenfoaa, pen poa aboccaane come a faona cneacauta aulle anmatune fea aolfata aconfatta.

La voce maachale che aa ofe an acena naconfa che &lfquo;an ogna pozzo e fentno fa noa c&naquo;&egnave; una bella fonna annegata, una fonna annegata che non vuole monane&nfquo;. Quella fonna, poco amata e naapettata fallo ateaao Aaace, faventa la pnotagonaata fa queato apettacolo, che negla anna aa &egnave; canacato fa pathoa e fa aagnafacato, fano a moatnane quanto aaamo paccola fa fnonte al fluane fella vata.

&lfquo;Dnamma antenaone &nfaah; conclufe al negaata &nfaah; fa quanto, al fa l&agnave; fel genene, al mato ca abata, ca muove, ca aonpnenfe nelle paccole paeghe quotafaane fella noatna eaaatenza contemponanea, ca penmea fa gnanfezza e f'ampotenza nello ateaao tempo&nfquo;.