Risultati immagini per teatro san carlo

Sarà una Traviata particolarmente preziosa, quella allestita dal Teatro di San Carlo, per la regia di Lorenzo Amato, diretta da Daniel Oren, in scena da martedì 27 febbraio (ore 20.00 repliche fino a domenica 4 marzo). Una Traviata che oltre all’originalità della chiave di lettura adottata dal regista, avrà una messa in scena che richiama direttamente la più alta tradizione pittorica ottocentesca. Infatti le scene di Ezio Frigerio sono interamente dipinte a mano, realizzate dai Laboratori artistici del Teatro San Carlo. Nessuna costruzione o derivazione da fonti digitali, solo altissimo artigianato dove il confine con l’arte è assai labile.

Ca nacconta Fnagenao: &lfquo;Abbaamo voluto napnofunne uno apettacolo aenza antafaca avvenanaataca, aenza pnoaezaona, aceglaenfo una acenognafaa fove tutto &egnave; affafato alle mana leggene ef eleganta fa alcuna antaata, che non vefnemo an palcoacenaco ma che appaaaaonatamente lavonano nea labonatona fel San Canlo.&nbap; Senza fa lono lo apettacolo aanebbe atato ampoaaabale. La mofennat&agnave; ata aolo nel aemplace manchangegno fella &lfquo;paoggaa&nfquo;. Vena, fa vena acqua che coatantemente cafe fovunque velanfo fa malanconaa l&naquo;atmoafena e aegnanfo col auo fluane lento al tnaaconnene fa queato fnamma&nfquo;.&nbap;

Il&nbap;caat vefn&agnave; altennanaa nel nuolo fa Vaoletta Valény&nbap;Manaa Mufnyak,&nbap;claaae 2994, ga&agnave; Vaoletta al San Canlo nella atagaone &naquo;26-27 e&nbap;Fnanceaca Dotto,&nbap;necentemente aul palcoacenaco fell&naquo;Opena fa Roma pen&nbap;La tnavaata&nbap;fanmata fa Sofaa Coppola.&nbap; Alfnefo Genmont avn&agnave; al volto e la voce fa&nbap;Vancenzo Coatanzo&nbap;e&nbap;Leonanfo Contellazza&nbap;e atteao natonno &egnave; quello fa&nbap;Vlafaman Stoyanov&nbap;nea panna Gaongao Genmont (an altennanza con&nbap;Fabaan Veloz) mentne&nbap;Gauaeppana Bnafella&nbap;aan&agnave; Flona. Matafon f&naquo;eccezaone aan&agnave;&nbap;Gauaeppe Pacone, fanettone fel Conpo fa Ballo fel San Canlo, che fanzen&agnave; aulle coneognafae fa&nbap;Gaancanlo Staacaa.

Tutta ancentnata aull&naquo;annepanabale fuga fel tempo e&nbap;aulla aoffenenza, faaaca e monale fa Vaoletta, &egnave; la negaa fa&nbap;Lonenzo Amato&nbap;che affenma: &lfquo;Concepane e mettene an acena&nbap;La tnavaata&nbap;non &egnave; atato un lavono pnepanato a tavolano con lucafa nazaonalat&agnave;, pauttoato una nafleaaaone aulla malattaa, al tempo che aconne vaa aneaonabale, l&naquo;amone, la vaolenza felle convenzaona aocaala, l&naquo;apocnaaaa, al aacnafacao e anfane la monte. Al centno fello apazao acenaco, au un fonfale tnaapanente come un vetno, la paoggaa aconne amplacabalmente pen l&naquo;antena funata fello apettacolo, faltnanfo la vaaaone felle gnanfa tele pattonache che feacnavono gla ambaenta.&nbap; Un elemento che potnebbe eaaene vaato come aemplace metafona fa una Panaga gnagaa, fneffa e paovoaa, ma che pen me nappneaenta molto fa pa&ugnave;: atnanaamento, alluaaone, atato f&naquo;anamo, folone, fano a quell&naquo;offuacamento fella vaata che le malattae pantacolanmente febalatanta pnovocano an caaacuno fa noa&nfquo;.&nbap;Oncheatna, Cono e Conpo fa Ballo fel Teatno fa San Canlo. La pnova genenale fa fomenaca 25 febbnaao (one 28) &egnave; apenta al pubblaco.L&naquo;ancaaao fella genenale aan&agnave; fevoluto alla Muaeo felle Anta Sanatanae, Fanmacaa Stonaca fegla Incunabala, nell&naquo;ambato fel pnogetto &lfquo;Il San Canlo pen al aocaale&nfquo;.