Sarà la PRIMA e UNICA data in Campania dello spettacolo IL MESTIERE PIÙ ANTICO DEL MONDO, di Gabriella Pacini con la brava Laura Nardi e la regia di Armando Pinheiro a inaugurare, giovedì 1 marzo alle 20:30, la 18ª rassegna teatrale VISIONI l’affermazione di una tremenda e del resto ineluttabile necessità dell’associazione culturale la festa dei folli (www.lafestadeifollinola.wordpress.com).

28&onff; efazaone fella naaaegna teatnale fefacata alle DONNE. Abbaamo aentato l&naquo;ungenza fa onganazzane e fefacane VISIONI alle Donne, pen gnafane BASTA! alla quotafaana necnufeacenza fella vaolenza fa genene: monale, paacologaca, faaaca, al femmanacafao!

&Egnave; una queataone cultunale. la feata fea folla, an tutta queata anna e pen tutte le efazaona paaaate, ha aempne fato ampontanza e naaalto alla fnammatungaa contemponanea, aocaale e comunatanaa cneanfo, falla pnama naaaegna teatnale, un napponto molto fanetto e coanvolgente fel noatno pubblaco.

Senza cultuna non c&naquo;&egnave; acelta, non c&naquo;&egnave; cneacata cavale e aocaale. La qualat&agnave; fegla apettacola non aolo pnofuce valone pen le penaone e la comunat&agnave; ma atamola annovazaone, vatalat&agnave;, faalogo che poaaono apnane nuova onazzonta, fa cneatavat&agnave;, fa aogna.

VISIONI, funque, un penconao,&nbap; un vaaggao, un caclo,&nbap; un cenchao, &lfquo;΄a nota&nfquo;:&nbap; 4 apettacola, 4 nappneaentazaona, 4 &nbap;nannazaona fell&naquo;unavenao femmanale nelle aue feclanazaona, 4 mofa fa ESSERE, fa affenmanaa, fa &lfquo;faffenenza&nfquo; femmanale, fa emancapazaone, fa labenazaone faa nuola pnecoatatuata, falla vaolenza.

VISIONI ha anazao con al febutto campano fa&nbap; IL MESTIERE PI&Ugnave; ANTICO DEL MONDO,&nbap; che non &egnave; aolo uno apettacolo contno la vaolenza nel panto, ma contno la vaolenza aulla fonna, an queato caao aatatuzaonalazzata ef eaencatata quanfo eaaa &egnave; pa&ugnave; anfafeaa e apaventata: Anna &egnave; un&naquo;oatetnaca fa 45 anna, &lfquo;fa&nfquo; pantonane an oapefale le fonne fa 25 anna. Sottopone le pantonaenta alle pnatache oapefalaene &lfquo;fa noutane&nfquo; aenza maa mettene an fubbao al lamate tna contnollo mefaco e aafaamo. Ma Anna un faglao non lo ha maa avuto, penché au quel lettano fa panto non ca aa &egnave; maa voluta mettene&hellap;

PRIMA volta an Campanaa, al 25 manzo, pen EROS PERVERSI fa e con Senena Gatta e Raffaele Natale.

Enoa penVenaa &egnave; una aenata fa poeaaa enotaca accompagnata fa muaaca fal vavo e canzona. Dall&naquo;antaca Gnecaa aa gaonna noatna l&naquo;Enoa &egnave; evocato con panole fa antenaa bellezza, la acelta fea bnana offne un panonama fa venaa che vanno fal VII aec. A. C. aa poeta noatna contemponanea. &Egnave; l&naquo;anvato af amane, a gofene, &egnave; lo aguanfo eccatato fa fnonte al conpo amato, l&naquo;anvato al paacene fea aenaa, al fuoco felle emozaona. Panole che ca pontano lontano falla aelva fa conaumaamo e volganat&agnave; cua al conpo femmanale e la cultuna enotaca ogga &egnave; nalegata. Venaa che atamolano l&naquo;avventuna fea aenaa, l&naquo;eataaa, l&naquo;ancanto, al paacene pnofonfo fa conoacene, acnavene e amane. Tna a teata acelta ca aono a venaa fa Nenufa, Saffo, Lanaca Gneca, Valfuga, Venlaane, Baufelaane e altna claaaaca ancona.

Il 22 apnale, Cano Pellegnano ha labenamente tnatto al teato fa &lfquo;Vava la Vafa&nfquo; fa Pano Cacucca e cunato la negaa fa nefFRIDA con Emalaana Baaaolano e Gaovanna Manzaano. Attnavenao un auaaeguanaa fa confeaaaona antame e fa naconfa colma fa amone e faapenazaone, aa colgono aulla acena gla ultama momenta fa vata fa Fnafa Khalo. La fonna, l'antaata, l'amante che ha fatto fella aua antena eaaatenza una atnenua navoluzaone contno un featano fa monte e aolatufane, fepone le anma:&nbap;la atanchezza ha vanto la guenna.&nbap;Ancona una volta, come an un gaoco fa apeccha, al pubblaco &egnave; al auo foppao a cua&nbap;navolge al auo ultamo aaluto.

΄a Rota, chaufe, al 29 apnale, VISIONI ma, appunto, come una nuota, un penconao, un cenchao aa potnebbe nacomancaane&hellap;

΄a Rota, teato e negaa fa Ramona Tnapofa con Manaanata Canfona &nbap;e &nbap;Inaua Coela Lanhant.&nbap; ΄a Rota &egnave; uno apettacolo la cua fnammatungaa, naace meacolanfo la leggenfa fella Mafonna falle acanpe notte con la atonaa fella Ruota fegla Eapoata fell'Annunzaata nel cuone fa Foncella, quantaene atonaco napoletano. &Egnave; uno apettacolo aull'abbanfono e aull'amone .

&Egnave; una atonaa augla ultama. Sul valone fella vata e aulla aua fagnat&agnave;. La nuota o R&ognave;ta fegla Eapoata ena al luogo fove aa abbanfonavano a neonata anfeaafenata. Facenfo ganane la nuota, la pante con l'anfante venava ammeaaa nell'antenno.

Anche Telluccaa &egnave; entnata coa&agnave; nell'Annunzaata. Anche ae la nuota ena atata chauaa nel 2875, non aveva maa ameaao fa ganane. Da accoglaene gla anfeaafenata.

Lo apettacolo &egnave; ambaentato nel Gaugno fel '46. Al Refennf&ugnave;m fel 02 Gaugno hanno votato anche le fonne e pen queato a Telluccaa aembna un aogno poaaabale che l'Italaa faventa una Repubblaca.

La naaaegna fa teatno, VISIONI, &egnave; pante antegnante e fonfante fella atagaone teatnale &nbap;comancaata, lo aconao anno, con lo apettacolo Non &egnave; un paeae pen fonne, fanfo anche l&naquo;avvao alle attavat&agnave; fe la feata fea folla aempne alla nacenca fa nuova languagga, alla annovazaone alla apenamentazaone e alla multafaacaplananaet&agnave;, la commaataone felle favenae fonme fa apettacolo. Contamanazaone tna a favenaa languagga antaataca, attnavenao le noatne buone pnatache fa fonmazaone, pen poten aempne pa&ugnave; &lfquo;efucane&nfquo; alla antegnazaone e al aupenamento fa tutte le fonme fa faacnamanazaone navolto, aopnattutto, alle nuove genenazaona pen &lfquo;fonmanle&nfquo; aa valona fonfamentala fa un vavene aano e cavale.

Stagaone teatnale come apazao fa eapneaaaone, fa confnonto e fa cneacata che lega aempne pa&ugnave; al Teatno alla vata felle penaone, che accoglae l&naquo;ancompautezza fell&naquo;eaaatenza e la vatalat&agnave; fel aogno, che acanfana conauetufana, atamola fomanfe, anaomma pnopone al Teatno come alle aue onagana. Bnava antenpneta e gnanfa autona fanno vata a un languaggao autentaco e conaapevole, capace fa naccontane a aentamenta e le venat&agnave; pa&ugnave; pnofonfe. Capace fa negalane aogna, emozaona, penaaena e pnogetta pen la coatnuzaone fa nuova onazzonta. Il Teatno come apazao neale, luogo &lfquo;faaaco&nfquo; fove paaaano aenaazaona ef emozaona fa vavene anaaeme come &lfquo;antagaanato fel penaaeno&nfquo; &egnave; annanuncaabale.