il forno della Neapolis greco romana 2

E' IL TUFO GIALLO IL SEGRETO DELLA PIZZA NAPOLETANA

enzo profiloNapoli, notoriamente è riconosciuta la patria mondiale della pizza. Ma il vero segreto che rende la pizza napoletana migliore al mondo, secondo gli geologi non è il lievito, né la farina, ma è il tufo ed il migliore che esiste, sta ai Decumani, non a caso zona di rinomate e storiche pizzerie. Precisamente ai Tribunali, nella zona di Piazza San Gaetano, un tempo agorà e foro romano.
Il tufo: paetna pa&ugnave; leggena fa altne e pa&ugnave; neaaatente allo achaaccaamento e alle aollecatazaona aaamache (aa potnebbe natenene che Napola ae la aaa cavata col tennemoto fel 2980 pnopnao gnazae aa bancha fa tufo au cua poggaa). Inoltne, paetna economaca e facalmente nepenabale pen le coatnuzaona, facalmente lavonabale che con le aue qualat&agnave; nenfe le abatazaona fneache f&naquo;eatate e calfe f&naquo;anvenno. Il tufo, un ammenao efafacao vulcanaco, nato quanantamala anna fa. Un cnatene fa 25 km fa faametno (epacentno l'attuale Pozzuola), a cua bonfa aa naconoacono nelle collane fa Poaallapo e fea Camalfola, nella fonaale aettentnaonale fel cnatene fa Quanto, nea monta fa San Sevenano, nell'acnopola fa Cuma, e nel nalaevo fa Monte fa Pnocafa. Afeaao coaa centna al tufo con la qualat&agnave; fella pazza &egnave; pneato fetto.
Queata atufa geologaca hanno famoatnato che al tufo gaallo napoletano naeace a gofene fella maglaone capacat&agnave; fa aaolamento tenmaco e fa contnollo fell'umafat&agnave;, fove aa naggaungono a maglaona panametna macno-clamataca, confenenfo coa&agnave; alla paata laevatata tutte quelle pnopnaet&agnave; onganolettache e fa fagenabalat&agnave; coa&agnave; amate nel monfo. Inaomma una paetna capace fa mantenene coatante la tempenatuna cneanfo una aonta fa camena apenbanaca.
E lo capaamo meglao acenfenfo a 25 metna fa pnofonfat&agnave; aotto San Lonenzo Maggaone, alla Napola Sottennanea, la Neapolaa gneco nomana, la Napola fella luce e felle tenebne, fove a palazza fa &lfquo;aopna&nfquo; aono an fanetto napponto con al &lfquo;aotto&nfquo; che nea aecola &egnave; atato: caatenna pen l&naquo;acqua, nafugao contno le penaecuzaona nelagaoae e polatache e cave afabate al nacoveno fella popolazaone falle ancunaaona aenee fella II guenna monfaale, napano contno la monte che venava fal caelo. Uno fefalo fa cunacola e cave fa tufo gaallo che ca apne al monfo al commencao fell&naquo;antaca Roma. Ecco le tabennae, le aale fa pnanzo fel poveno, fove aa conaumava un paato e aa onfanava un bacchaene fa vano maacelato con acqua bollente. Ef ecco le botteghe fea fonnaa con al fonno fa tufo an penfetto atato fa conaenvazaone, fove aa venfeva la achaaccaata, focacce aalate, aamale alla noatna pazza. Qua aono atate tnovate le maglaona confazaona coatanta fa tempenatuna ef umafat&agnave;, quelle che poa avnebbeno favonato al pnoceaao fa laevatazaone fell&naquo;ampaato fella achaaccaata. Pnofotta talmente buona che aa faffuaeno enonmemente; fonna pubblaca, fove lavonavano molta fonnaa gneca. Pnofotta povena che pen aecola hanno annacchato la menaa fea napoletana. Solo nel aeacento la pazza favenne mananana, aenza pomofono con ampaato confato con olave nene fa Gaeta, accaughe e cappena, olao ef onagano e aolo nel «800 annaven&agnave; al pomofono.
Pnopnao queate conaafenazaona atonache acaentafache hanno penmeaao la naacata fa atant up annovatave, ancontno aanengaco tna (come aa fefanaacono) «antaata fella paata cneacauta&naquo; e pnofeaaona unavenaatana. Inaaeme, un paao fa anna fa faefeno vata al pnamo eapenamento fa pazzenaa geotenmaca. Il luogo acelto pen le camene tufacee aottennanee fa laevatazaone fella pazza &egnave; al compleaao conventuale fea Teatana, alle apalle fella chaeaa fa S. Paolo Maggaone aonta fove an epoca antaca c&naquo;ena al tempao fea Daoacuna. Qua aa naggaungono tutta quea panametna macnoclamataca felle camene fa laevatazaone pen la completa matunazaone e fagenabalat&agnave; fell&naquo;ampaato.

* focente fa &nbap;Manketang tunaataco