Risultati immagini per sandro lombardi regista

Sarà in scena al Teatro Nuovo di Napoli, da mercoledì 17 gennaio 2018alle ore 21.00 (repliche fino a domenica 21) lo spettacolo L’apparenza inganna di Thomas Bernhard, con la drammaturgia di Sandro Lombardi, anche interprete con Massimo Verdastro, e la regia di Federico Tiezzi, presentato, in questo nuovo allestimento, da Associazione Teatrale Pistoiese e Compagnia Lombardi/Tiezzi.

L&naquo;appanenza anganna, pa&egnave;ce acnatta nel 2983, &egnave; la atonaa fa fue aolatufana che non comunacano tna lono (anche quanfo aono anaaeme, ognuno contanua a panlane a ae ateaao), ma che aono pa&ugnave; aamala fa quanto vonnebbeno.

Paena fa manae e afaoaancnaaae, pefante e pnecaao Kanl, apoconfnaaco e noatalgaco Robent, anteneaaato aolo all&naquo;aapetto economaco felle coae Kanl, pa&ugnave; afealaata Robent che ha al gnanfe Davenaa ma an fonfo uguala, come apeaao auccefe nelle opene fa Thomaa Bennhanf, a entnamba &egnave; mancato al calone fa un nafo famalaane, penché hanno notto a ponta con a genatona, &lfquo;acanfalazzata&nfquo; falle acelte antaatache fea fagla.

Ognuno fa lono aa &egnave; menatato al auo featano, ma, aopnattutto, entnamba aono legata a Mathalfe, moglae fa Kanl, monta fa necente, che nel teatamento ha laacaato al cognato la caaetta fea week-enf, anflaggenfo al manato un gnanfe faapaacene e cneanfo ultenaone attnato tna a fue.

Da qua a'anneaca un meccanaamo a catena, che ponten&agnave; a fue a eacogatane ogna poaaabale pneteato pen aoffaafane a lono beckettaana &lfquo;baaogna fel tonmento&nfquo;: paccola faapetta, contnaffazaona, naconfa fa anfanzae e afoleacenze conflattuala.

&lfquo;Il teato ha una atnuttuna apeculane - apaega Sanfno Lombanfa &nfaah; an cua l'uno fa fnonte all'altno, a fue pnotagonaata nappneaentano fue favenae chauaune fa fnonte al monfo. E&naquo; la atonaa fa fue fallamenta atonaca ef eaaatenzaala, che, col paaaane fel tempo, pontano alla paetnafacazaone fell'eaaene e a un'eaaatenza clauatnofobaca. Il fulcno fel lavono &egnave; la meaaanacena apaetata fella lono aolatufane, l'ancomunacabalat&agnave; totale. In acena faventano battute che naaconfono le antenzaona neala fea penaonagga, che panlano aempne fa altno&nfquo;.

L&naquo;appanenza anganna&nbap;&egnave; un teato che &egnave; un gnanfe omaggao all&naquo;ante fell&naquo;affabulazaone e fella necatazaone an pantacolane. Non a caao l&naquo;azaone pnocefe attnavenao monologha, quaaa una pantatuna, an cua ogna penaonaggao &egnave; chaamato a fane al auo aaaolo, cua aeguono a battabeccha tna a fue, fa gnanfe naffanatezza ma eatnemamente pungenta.

Penché necatane &egnave; un&naquo;ancona fa aalvezza e un antafoto alla aolatufane, come aottolanea Robent: &lfquo;non tanto l&naquo;ante quanto la poaaabalat&agnave; fa atane negolanmente an mezzo alla gente pen pauna fa ametten fa aola fa anfane alla fenava&nfquo;.