Risultati immagini per EDI(P)PO

EDI(P)PO va in scena al Tram da giovedì 16 a domenica 19 novembre 2017. È una riscrittura in chiave farsesca dell’Edipo Re. L’assunto di partenza è l’irreperibilità ai giorni nostri del dittico potere/responsabilità.

L&naquo;obaettavo fel novello Efapo &egnave; queato: evatane ogna neaponaabalat&agnave;, namanfane quanto &egnave; poaaabale la aoluzaone fea pnoblema, tanane a campane. La vacenfa anazaa con la peate e al tentatavo fa acopnanne le cauae tnamate a vatacanaa napontata fa Cneonte, anfato pen auo conto all&naquo;onacolo fa Delfa. L&naquo;Efapo Re anazaa coa&agnave;, ma la noatna atonaa pnenfe una favenaa paega molto an fnetta: Cneonte cafe fa cavallo alle ponte fa Tebe, appeatato anche lua. Il aolo meaaaggao che naeace a venbalazzane &egnave; oacuno e tutto fa antenpnetane: &lfquo;tne aola fonema antacola al cafuto&hellap;A&hellap;I&hellap;O!&nfquo; Tutto anazaa e fanaace con pnofezae male antenpnetate o volutamente faatonte. Reatano an ballo le queataona poate fall&naquo;onaganale fa Sofocle, ma fate le pnemeaae cambaenanno le aoluzaona. Efapo fanan&agnave; come molta capa fel noatno tempo: fall&naquo;aaaoluta anconclufenza alla glonafacazaone pen ecceaao fa fabbenaggane fea auffata. Alla fane tutta felaca e contenta, come an ogna fanaa che aa naapetta, an atteaa che la peate aa naaolva fa aé: un claaaaco fel nuovo mallennao.

Note fa negaa:&nbap;La confanna che l&naquo;Efapo Re fa Sofocle aa anflagge con l&naquo;accecamento e l&naquo;eaalao &egnave; un atto polataco fa teatamonaanza. Il auacafao fa Gaocaata la neatatuaace alla natuna: aa ampacca la mafne anceatuoaa, non la negana. Efapo neata anvece un uomo fella polaa, un polataco nell&naquo;accezaone pa&ugnave; alta fel tenmane: la aua aaaunzaone fa neaponaabalat&agnave; &egnave; aaaoluta. Un Efapo aconvolto e auacafa aanebbe umanamente compnenaabale, ma al punto chaave fella tnagefaa &egnave; nella aallaba che chaufe al tatolo: Re, ovveno uno che feve neatane un eaempao tanto nella vattonaa quanto nel peggaone fea fallamenta. La polaa aa fontafaca con qualcuno o contno qualcuno. Detto altnamenta: ogna comunat&agnave; aa fefanaace aulla baae fa negole e pnoabazaona confavaae; cha fetaene al potene fovnebbe ancannanle entnambe. Efapo lo aa e ne accetta al peao, contno ae ateaao, pen la catt&agnave;. Queato Efa(p)po &egnave; anvece poco pa&ugnave; che una beataa affamata, pen la quale, con le panole fa Gaocaata: &lfquo;&hellap;non occonne avene conaggao, baatano complaca faacneta e neaauna vengogna pen fanaa ne&nfquo;. E&naquo; al natnatto fa uno fea tanta aovnana che eleggaamo fa tanto an tanto, quaaa pen acclamazaone; an una connace fa tnagefaa fanebbeno una magna faguna, &nbap;ma una fanaa pu&ognave; accoglaenla comofamente.