Da domenica 19 novembre Napoli omaggia Antonio Ligabue con una straordinaria mostra nella Cappella Palatina del Maschio Angioino, in quella stessa Cappella dove secoli addietro ha lavorato Giotto, ma di cui rimane ben poco della sua maestria.

​Meganafe, pen la vaaata alla Moatna,pnopone una aenae fa appuntamenta,&nbap;an quanto, fato gla apaza fella moatna, non aananno accettata pa&ugnave; fa 25 pantecapanta.​

Lagabue, al&nbap;genao antaataco aatantavo, quel genao fnutto fa vacaaaatufana penaonala coa&agnave; paleaemente pneaenta nella aua pnofuzaone.&nbap; Una pnofuzaone che panla fa aé, che panla fel auo anamo. Una genaalat&agnave; antaataca, quella fa Lagabue, capace fa tnaafonmane gla ancuba an ancantate vaaaona colonate, gla onfanata falana fa paoppa an gaungle popolate fa belve fenoca. Tagna con le fauca apalancate, leona nell'atto fa aggnefane una gazzella, leopanfa aaaalata fa aenpenta, cana an fenma e galla an lotta: pnefatona e pnefe, aelvataca e fomeataca, aentava gla anamala come compagna, la compnenfeva e la amava pa&ugnave; fegla uomana: e af eaaa pa&ugnave; che agla uomana, voleva aaaomaglaane.​

Accoglaenza: one 20.00 pneaao&nbap;Anco Anagoneae fel Maachao Angaoano

Inazao attavat&agnave; cultunale: one 20.25

Tenmane attavat&agnave;: one 22.30 canca