servizio di MILENA COZZOLINO

Dopo aver preso parte alla stagione 2014-15 con lo spettacolo Quadri di una rivoluzione, il drammaturgo siciliano Tino Caspanello, reduce dal successo ad Hong Kong con lo spettacolo Mari (Premio Speciale della Giuria al Premio Riccione 2003), ritorna a Napoli l'11 e 12 novembre, portando in scena, al Nuovo Teatro Sanità, il suo testo ‘Nta ll’aria, interpretato da Cinzia Muscolino, Tino Calabrò e Alessio Bonaffini, per la regia dello stesso Caspanello.

Quella di Caspanello è una drammaturgia raffinata e rarefatta, legata al dialetto della sua terra: il messinese, con le sue pause e i suoi silenzi, diventa nel suo teatro lingua scenica carica di emozioni che si tramutano in poesia dell’attesa. «Due operai, un balcone da dipingere, parole senza peso per fare scorrere il tempo», così Caspanello racconta il suo ultimo lavoro teatrale. «E potrebbe essere l’eternità ‑ continua ‑ così, per sempre, con la sua logica, le sue certezze, la sete, la fame e la solitudine. Potrebbe essere così, per sempre, se non arrivasse qualcuno che è fuori dal disegno, fuori dalla perfezione, qualcuno che non sa dove andare, perché trovare un posto, nel cuore, è ormai quasi impossibile; qualcuno che però ha molto da offrire, tra un caffè e l’altro, tra un bicchiere di vino e un sogno rubato all’immaginazione; qualcuno che ancora guarda il mondo e lo ascolta, oltre i suoi rumori, oltre il suono delle sue parole, per scoprirne i segreti che viaggiano sotto la sua pelle».  ‘Nta ll’aria è stato pubblicato dalla casa editrice Minimum Fax nel volume Senza corpo, a cura di Debora Pietrobono. Tradotto in francese da Julie Quénehen, grazie al sostegno della Maison Vitez, è pubblicato in Francia da Editions Espaces 34. Ha ricevuto il riconoscimento “Coup de coeur” presso il Teatro Le Rond Point di Parigi. È stato presentato a Grenoble, Parigi e in Lussemburgo. È pubblicato in Italia nel volume Teatro di Tino Caspanello, Editoria & Spettacolo, 2012. 

Le recite dello spettacolo sono previste sabato alle ore 21.00 e domenica alle 18.00.