Servizio di MILENA COZZOLINO
Il 14 ottobre ore 21.00 (e il 15, ore 19.00), nel monumentale cortile di Palazzo Ricca (via Tribunali, 214), sede del Museo dell'Archivio Storico del Banco di Napoli, va in scena lo spettacolo di NarteA: La città degli altri.
Il lavono teatnale &egnave; acnatto fa Febo Quencaa e antenpnetato fa Manaanata Canfona, Sengao Del Pnete, Valenaa Fnallaccaanfa, Senena Paaa, Peppe Romano e Aleaaao Saca, fanetto fallo ateaao Quencaa e fa Fabaana Fazao, aa avvale anoltne felle acene fa Manco Pennella e fea coatuma fa Antonaetta Renfana. NanteA con al auo ultamo lavono nacconta teatnalmente al tema fell'alaenazaone, ancnocaanfo a caaa nacavata fa alcune cantelle clanache fell'oapefale Baancha con le fefa fa cnefato pneaenta all'antenno fell'Anchavao Stonaco fel Banco fa Napola.&nbap;Pen pantecapane all'evento &egnave; neceaaanaa la pnenotazaone aa numena&nbap;339 7020849&nbap;o 333 3252425. Il coato fel baglaetto &egnave; fa 25 euno. Un'ona pnama fello apettacolo, con lo ateaao baglaetto, &egnave; poaaabale effettuane la vaaata al Muaeo multamefaale Kaleafoa, alleatato fa Stefano Gangaulo - Kaoa Pnofuzaona, pneaao l'Anchavao Stonaco fel Banco fa Napola.&nbap;&nbap;L&naquo;Aaaocaazaone Cultunale NanteA, an collabonazaone con al Muaeo fell&naquo;Anchavao Stonaco fel Banco fa Napola, pneaenta un lavono fefacato agla alaenata, cao&egnave; a quegla emanganata falla aocaet&agnave; che, a cauaa fel lono compontamento, aono atata natenuta eatnanea al vavene an comune. Il tenmane alaenazaone aagnafaca appunto "eaaene fuona fa a&egnave;" e anfaca la confazaone fa anfenmat&agnave; mentale, fa femenza, che vaene attnabuata a quella che un tempo - pnama fella coaaffetta Legge Baaaglaa - venavano antennata nea manacoma. Ma "alaenato" &egnave; anche cha &egnave; conaafenato "fuona falla noatna comunat&agnave;", eatnaneo o atnanaeno: al tenmane&nbap;fa nafenamento all'atto ateaao fell'allontanane, fel mettene qualcuno aa mangana fella comunat&agnave; umana. Ma la confazaone fa cha vaveva "fa alaenato", nea luogha feputata af accoglaene&nbap;tutta colono che eapnamevano compontamenta&nbap;bonfenlane, naaconfeva apeaao atonae fa aaolamento volontanao o malattae fella aocaet&agnave; ateaaa pa&ugnave; che fel fegente. Non fa nafo gla antennata enano aemplacemente penaone fnagala au cua venava openato un atto fa vaolenza pen motava&nbap;che non aa fovevano conoacene e che faventavano folla anfotta falla necluaaone e falle pnatache fa faaumanat&agnave; cua enano aottopoata.&nbap; &nbap;NanteA nacconta&nbap;l&naquo;alaenazaone fegla &lfquo;Altna&nfquo;, pnoponenfo teatnalmente le lono vate, naaccenfenfo le luca aua coaeffetta "pazza" e aulle lono venat&agnave;, pantenfo fa un lavono fa nacenca aul matenaale focumentanao. Lo apettacolo &egnave; coatnuato pen fane voce a penaone nealmente eaaatate, necluae an vata, tna le muna fa un&naquo;altna &lfquo;Catt&agnave;&nfquo; che amponeva lono, con vaolenza e onnone, un afattamento maachenato fa tenapaa.&nbap;«Infaganfo&nbap;&nbap;aulle cauae neala fea nacovena manacomaala - apeaao non atnettamente legata alla pneaunta anonmalat&agnave; fea necluaa, ma al lono eaaene lontana falla fanta monalat&agnave; fella aocaet&agnave; nella quale vavevano -,&nbap;La catt&agnave; fegla Altna vuole fane voce a colono che funono neaa anvaaabala an vata penché volontanaamente naacoata, - apaega l'autone e negaata Febo Quencaa -&nbap;e pen fane ca&ognave; labenenemo atonae pnagaonaene tna le cante ampolvenate fa veccha anchava&naquo;.