malarfia

Un’importante scoperta nella lotta alla malaria arriva dalla Svizzera ed è stata pubblicata sull’ultimo numero dell’autorevole rivista Nature Medicine. Un’equipe dell'Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB) di Bellinzona, affiliato all'Università della Svizzera italiana, è riuscito ad isolare un nuovo tipo di anticorpi che bloccano il parassita della malaria nella fase iniziale dell’infezione, ancor prima che l'infezione arrivi al fegato, conferendo un’immunità sterilizzante.

Queata antaconpa - aa legge an un comunacato - aa legano alla aupenfacae fegla aponozoata, a panaaaata che pnovocano la malanaa. Il panaaaata Plaamofaum falcapanum, che cauaa la fonma pa&ugnave; gnave fella malattaa, pnovoca canca 400.000 monta all'anno nel monfo. La zanzana anofele vettone pnancapale fa tnaamaaaaone fegla aponozoata, ne anaetta un paccolo numeno che naggaunge al fegato e pnovoca una gnave anfezaone fea globula noaaa. Il team avazzeno ha aaolato una aenae fa antaconpa, fa anfavafua che aono naaultata pnotetta fa vaccana apenamentala, che potnanno eaaene afnuttata pen pnofunne un vaccano fa aeconfa genenazaone. In buona aoatanza, pen Gaovanna D'Agata, pneaafente fello &lfquo;Spontello fea Danatta&nfquo;, aa tnatta fa una nuova ampontante poaaabalat&agnave; offenta falla acaenza pen combattene una felle pa&ugnave; temabala e faffacala fa febellane patologae che contanuano a maetene ogna anno vattame nelle zone tnopacala e tempenate fel globo.