Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 134

Si chiude stasera il ciclo di appuntamenti di Campania by Night al Castello Aragonese di Baia con “Bermudas”, spettacolo di danza di Michele Di Stefano, premio UBU come Miglior spettacolo di danza 2019, in programma alle ore 20.

L’evento rientra nel più ampio progetto “NA-SA” ideato da Michele Mele per omaggiare il lavoro artistico del performer e coereografo, Michele Di Stefano, con il sostegno della Regione Campania attraverso la Scabec, Teatro Pubblico Campano e CDTM, Casa Del Contemporaneo e in collaborazione con Comune di Salerno, Università degli Studi di Salerno, Galleria "Paola Verrengia", KLm. Nato a Salerno, Di Stefano, torna nella sua regione per tracciare con “NA-SA” una mappa per tappe e far conoscere in un territorio - che poco lo conosce e poco ha ospitato i suoi spettacoli - la sua vocazione alla danza e al viaggio. Un viaggio che è anche un ritorno, là dove tutto è iniziato, il luogo di nascita. In questa prima tappa al castello di Baia la rappresentazione di BERMUDAS (titolo che ironicamente evoca un territorio dai confini non indentificati e poco tracciabili) - creazione per sua definizione “mutevole sistema coreografico, meccanismo performativo” - racconta al meglio il caleidoscopio di azioni danzanti, musica e luci che è il mondo creativo targato mk. Un sistema coreografico pensato per un numero variabile di interpreti (da tre a tredici), intercambiabili tra loro. Gioca sul meccanismo del “moto perpetuo” in cui i corpi diventano una sorta di organismo di movimento basato su regole semplici e rigorose che ogni performer applica come una condizione per esistere accanto agli altri e costruire un mondo ritmicamente condiviso. “NA-SA” si propone di portare in scena, a partire da questa prima tappa, il viaggio creativo - ma anche fisico - nei luoghi del cuore dell'artista attraverso una serie di spettacoli nei teatri di Napoli e Salerno, (a Napoli: Teatro Nuovo; Sala Assoli \casa del Contemporaneo; Teatro dei Piccoli \casa del Contemporaneo; a Salerno: Auditorium dell'Università; Teatro Ghirelli-spazio Fornace \casa del Contemporaneo; Teatro Verdi; Galleria "Paola Verrengia).

Autenticati