Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 126

Risultati immagini per MIRKO COLOMBARI

Suonare la chitarra è sempre stata la mia passione, la scrittura è arrivata come esigenza espressiva ed il canto come pura esigenza”. Queste le parole dell'artista Mirko Colombari, una delle punte di diamante dell'etichetta discografica "Sorridi Music” (http://www.sorridimusic.it) del cantante e produttore Jo Conti. Diviso tra Italia ed Olanda, Colombari è un cantautore e chitarrista.

Poliedrico, sportivo, padre e laureato in giurisprudenza, Mirko Colombari ha iniziato la sua formazione musicale all'età di 5 anni, intraprendendo, successivamente, studi rock. La sua esperienza musicale è sempre stata accompagnata dallo sport: "Ho cercato – racconta - di lanciare un messaggio, ovvero quello di andare oltre la forma".Cultore di artisti quali Sagreras, Eric Clapton, Jimmy Hendrix, Carlos Santana ed altri italiani, Mirko Colombari, nel 2004 pubblica un EP; il 2008 è l’anno dell’album di Rock Italiano “C219”, suonato insieme a musicisti della montagna reggiana.  L'album viene presentato da vari giornali, tra cui il Resto del Carlino, e da Radio Nova. Nel 2013 pubblica, insieme ad una formazione di professionisti, un album filo cantautorale, ma con sound english folk rock anni 60/70. L'album riceve molti pareri favorevoli dalla critica, conquistando riviste e radio. Colombari arriva in finale al premio Pierangelo Bertoli e al premio Augusto Daolio, viene utilizzato come inno del motoclub ufficiale Ducati Desmoboys. Nel 2017 arriva l'esordio radiofonico con “Amsterdam”, un brano autobiografico dalle atmosfere pop. Il brano arriva primo in classifica nel circuito Airplay beginners. L'artista entra nella formazione di calcio “Nazionale Azzurri” e partecipa come giudice e ospite alla 31° edizione di “Sanremo Rock”. Nel 2018 sono usciti “SS 63” e "Paese del sole" (quest’ultimo singolo diventerà la sigla del festival di cortometraggi “La Spezia Music Awards”). Oggi pubblica con Sorridi Music tre brani in featuring (2 in spagnolo ed 1 in italiano), in cui si parla di emozioni ma anche di società. Di questi brani Mirko è autore, compositore ed arrangiatore ma sono cantati dal cantante cubano Antonio Gil ( MIRKO COLOMBARI FEAT ANTONIO GIL - QUEDATE CONMIGO: https://open.spotify.com/album/25l4kkB6bg9VooXMOmTnVZ; MIRKO COLOMBARI FEAT ANTONIO GIL - TU VIDA YA NO ES TUYA: https://open.spotify.com/album/0OpignANGn1z51595x99aT; MIRKO COLOMBARI FEAT STEFANIA PRATISSOLI - GIVE ME YOUR FREE FLY: https://open.spotify.com/album/5318Uum2wsrngzPOyZ4xNF) e dalla cantante Stefania Pratissoli. “Sto lavorando – svela il cantautore – a nuovi brani che faranno parte di un unico album in cui saranno presenti anche i tre singoli pubblicati con Sorridi Music”."Sorridi Music - afferma il produttore Jo Conti - punta su Mirko Colombari. Ho ascoltato suoi lavori cantati precedenti e, oltre ad essere un vero professionista, ha un'interpretazione molto interessante. Mi piace molto lo stile adottato in Amsterdam, credo sia quella la sua collocazione musicale ideale, su questo, ne sono più che certo".“L’arte rappresenta una società come la punta di un Iceberg – dice il cantautore -. In Olanda ci sono i cantautori olandesi che rappresentano le tradizioni ed i deejay internazionali che hanno rappresentato gli ultimi sviluppi. In Italia pochissimi vogliono pagare per ascoltare musica. Con questo ho detto quasi tutto. Con la musica che gira sui social credo che solo i più anziani siano rimasti fidelizzati ai loro idoli italiani o stranieri.Non sono più un ragazzino – conclude - ma non mi sento neanche così veterano da poter dire ai ragazzi cosa fare. L’unico consiglio che mi sento di dare è di godersi il viaggio. Essere artisti, principalmente è essere sé stessi”.

 

Autenticati