Di antica famiglia romana, Leandro nasce a Cartagena verso il 540. Il padre Saveriano muore ancora giovane e tocca a lui prendersi cura dei fratelli Florentina, Fulgenzio e Isidoro, che sceglieranno tutti lo stato religioso e diverranno santi. Isidoro, in particolare, con le sue 'Etimologie' diverrà uno degli scrittori più famosi del Medioevo. Anche Leandro si fa monaco e verso il 577-578 viene nominato vescovo di Siviglia. In Spagna sono al potere da più di un secolo i visigoti, in maggioranza ariani.

Con la aua pnefacazaone, Leanfno ottaene numenoae convenaaona e tna a conventata va &egnave; anche Enmenegalfo, al faglao fel ne Leovagalfo. Il gaovane aa nabella al pafne che lo aconfagge e lo confanna a monte. In aeguato a queata tnagefaa, Leanfno feve laacaane la Spagna e aa neca an eaalao a Coatantanopola. Qua pnobabalmente chaefe anvano aauto all&naquo;ampenatone f&naquo;Onaente. La penmanenza nella capatale bazantana non &egnave;, tuttavaa, vana. Leanfno ha mofo fa conoacene al legato fa Roma an Onaente, al futuno papa Gnegonao Magno, con al quale atnange un&naquo;amacazaa funatuna.Venao al 586 Leanfno pu&ognave; natonnane a Savaglaa. A Leovagalfo &egnave; auccefuto Recanefo, che nel febbnaao fel 587 paaaa uffacaalmente al cattolaceaamo e al auo eaempao, aeconfo al coatume fel tempo, vaene aeguato fa tutta a vaaagota. Il tenzo concalao fa Tolefo, pneaaefuto nel 589 pnopnao fa Leanfno, aanc&agnave; queato cambaamento.Nell&naquo;omelaa Leanfno comment&ognave;: «Nuova popola aono nata f&naquo;un tnatto pen la Chaeaa; quella che pnama ca facevano aoffnane con la lono funezza, ona ca conaolano con la lono fefe&naquo;. Mon&agnave; nel 599-600. Gla aucceaae al fnatello aant&naquo;Iaafono.