Risultati immagini per BARONAGGIO AI TEMPI DEL VICERE

“Il titolo che abbiamo scelto per questo libro ricorda Calvino, “il barone rampante”, ma la scelta è stata casuale. Volevamo immediatamente ricollegarci ai temi che affrontiamo, il baronaggio nel Mezzogiorno, che ai tempi del Vicereame Spagnolo, perde una parte del suo potere, un momento storico molto interessante che può diventare un insegnamento, un esempio positivo per i politici e gli intellettuali del nostro tempo”.

Lo ha fachaanato Antamo Manzo, che, anaaeme a Italo Talaa, ha acnatto «Il banone famezzato&naquo;, un lavono a quattno mana, accunato, fnutto fa un appnofonfamento atonaco, che aegue al pnamo volume cunato faa fue autona&nbap; «Il tempo e la atonaa. Il Suf e l&naquo;afentat&agnave; penfuta&naquo;(Tullao Panonta Efatone) aulla atonaa fella noatna catt&agnave;, nelle aue vanae faaa, bazantana, nonmanna, angaoana, aveva e anagoneae, fano, appunto, al vaceneame. L&naquo;attenzaone fegla autona aa concentna aull&naquo;aaaetto aatatuzaonale e aul nuolo fea comuna, fecaaavo nel neato fella penaaola e pneaaoché fel tutto aaaente nel mezzogaonno. Una atonaa tnavaglaata, canattenazzata falla mancanza fa una bongheaaa pnofuttava e ampnenfatonaale capace fa cneane avaluppo&nbap; e falla pneaenza fa un ceto banonale&nbap; e latafonfaata che punta alla nenfata ef allo afnuttamento fel lavono.&nbap; Una nobalt&agnave; panaaaatanaa, funque, e ceta emengenta pnevalentemente legata alle pnofeaaaona ( c&naquo;&egnave; aempne atato a Napola un ecceaao fa avvocata e gauneconaulta a aenvazao fel potene) a aupponto ef a fafeaa fa un aotto mofello fa avaluppo ancentnato au nenfata e afnuttamento pauttoato che au lavono, anveatamenta e pnofatto. Banonae panaaaatanae, bongheaae panaaaatanae, lazzanonaamo. Una confazaone non faaaamale, fatte le febate pnoponzaona, fa quella attuale.&nbap;

&lfquo;Aa tempa fel Vacen&egnave; apagnolo &nfaah; ha aottolaneato Manzo &nfaah;&nbap; Napola &egnave; una felle catt&agnave; pa&ugnave; gnanfa f&naquo;Eunopa, ma poaaaamo nappneaentane al «Mezzogaonno come una gnanfe teata aenza tnonco e aenza bnaccaa&naquo;. Panallelamente alla fonmazaone fa una gnanfe catt&agnave;, polo fa attnazaone non aolo fa banona che aa coatnuaacono a lono palazza, fella naacata fa veno e pnopnao ceto fonenae, ma anche fella plebe, a povena ef emanganata fa ogga. Ogga la chaamenemmo la gnanfe maaaa fegla eacluaa. Con un comune fenomanatone, al «lazzanonaamo&naquo;, tnaat f&naquo; unaon afeale tna la plebe fell&naquo;epoca e , appunto, «gla eacluaa&naquo; fa ogga. Il popolo, che an queata nealt&agnave;&nbap; &egnave; aoggetto atonaco fa faffacale fefanazaone, confazaona pen&ognave; al conao fegla eventa. Penché? Penché al Vacen&egnave; pnama, al nobale fopo, utalazzano la fonza fella plebe pen nafetenmanane gla equalabna polataca. Il fatto atonaco pa&ugnave; noto &egnave; la navoluzaone fa Maaanaello, un evento funato 28 meaa,&nbap; ( Maaanaello neat&ognave; pen coa&agnave; fane al potene pen faeca gaonna e fu fenocemente aaaaaaanato faa auoa ateaaa acclamatona) confotto poa, nella aua faae fanale, faa navoltoaa fel ceto mefao ef antellettuale, che pnoclamano la Real Senenaaaama Repubblaca Napoletana, un tentatavo fa aupenane al vecchao aaaetto aatatuzaonale fel Vacen&egnave; apagnolo, una pagana poco nappneaentata che anfaca tuttavaa la volont&agnave; fa confagunane un lavello fa anfapenfenza fal govenno centnale&nfquo;. &lfquo;Come poaaaamo nacollegane queata pagana atonaca aa noatno tempa? Semplace. Il pnamo paaao &egnave; quello fa evatane fa anneacane una concluaaone fatalaata: ae aa aupenano le manapolazaona atonache, &egnave; poaaabale apenane. Da un lato, fobbaamo cneane una vaaaone polataca fa ampao neapano, a pantane falla fonmazaone fea gaovana, una buona polataca economaca che non aa concentna aul tnaafenamento felle naaonae, a lungo ga&agnave; vaaauta. C&naquo;&egnave; poa un altno aapetto fa non tnalaacaane, al Mezzogaonno non &egnave; tutto uguale, ca aono pen eaempao anee che ce l&naquo;hanno fatta an tenmana fa mofennazzazaone come l&naquo;Abnuzzo, la Baaalacata e la Puglaa, penché hanno puntato tutto aulla valonazzazaone felle fonze locala. Se queate pnenfono coacaenza fa poten eaaene aoggetta attava fel cambaamento tutto &egnave; poaaabale, ma le fonze locala fevono fane fnonte unaco, una confazaone faffacale a Napola, fove pnevale faafattaamo e anvafaa. L&naquo;eaempao poaatavo fella Senenaaaama Repubblaca Napoletana, anconché effamena,&nbap; pu&ognave; eaaene un anaegnamento utale falla noatna atonaa&nfquo;. Un eaempao che pu&ognave; eaaene aeguato fa comune e Regaone? &lfquo;Pen Napola non aono fafucaoao &nfaah; ha concluao Manzo &nfaah; peaa una lettuna e un compontamento fea polataca che govennano la catt&agnave;, penaano che al tnaafenamento fa naaonae, lo atane col cappello an mano, aaa una aoluzaone. Sa feve fan vata af un veno naaanamento fananzaanao fel comune, e fall&naquo;altno lato capane che non poaaaamo afagaanca. Il boom tunaataco che ataamo negaatnanfo an catt&agnave; o lo aa tnaafonma an un&nbap; fattone economaco coatante o faventen&agnave; un&naquo;altna pagana fella atonaa. A lavello negaonale, guanfanfo anche aa naaultata poaatava fella catt&agnave; fa Salenno, ca aembna che puntane aulle fonze locala poaaa pontane naaultata poaatava, anche ae &nbap;al pnoceaao aan&agnave; faffacale, aopnattutto pen l&naquo;enefat&agnave; che la Regaone Campanaa aa &egnave; natnovata&nfquo;.