Figlia di Romarico, si dedicò, insieme con la sorella Azaltrude, alla vita claustrale nel monastero di Remiremont, che il padre fece edificare per loro in Lotaringia. Cecilia ebbe per lungo tempo l’incarico di badessa del monastero e alla sua morte godette subito di fama di santità. La sua vita è da collocarsi nel settimo secolo. Viene particolarmente invocata per le malattie degli occchi.
L’Ordine Benedettino la festeggia il 12 agosto.