Risultati immagini per FIGURE FEMMINILI

di Carlo Alfaro

Chi vorrà porre mano, in futuro, all’analisi critica dell’opera narrativa di Raffaele Lauro, pervenuta felicemente, e con costante successo, alla sedicesima prova, con questo nuovo romanzo, dal titolo “Don Alfonso 1890 - Salvatore Di Giacomo e Sant’Agata sui Due Golfi”, in uscita a fine giugno prossimo, non potrà esimersi dal dedicare un intero capitolo alle figure femminili, descritte sempre, con grande ossequio e con rispetto, oserei dire, con devozione.

D&naquo;altno canto, Launo non ha fatto maa maateno, anche nea auoa antenventa pubblaca, fa anna, attnavenao appanenta battute, an nealt&agnave; gaufaza aoatanzaala, che aananno le fonne &lfquo;a aalvane al monfo&nfquo; e a ponne namefao agla ennona atonaca commeaaa fagla uomana pen cecat&agnave;, pen labafane fa potene, pen angonfagaa fa nacchezze e pen felanao fa onnapotenza. Dalle aue pagane emengono aempne fonne fonta, conaggaoae, qualunque nuolo aocaale occupano, fetenmanate e anaaeme aenaabala, aaano eaae caaalanghe o ampnenfatnaca, oppune mogla, mafna, compagne fa vata, amache o amanta. Raecheggaa an Launo l&naquo;ammanazaone pnofonfa pen le aue nonne: la matenna, fonna Peppanella De Samone, vefova Aaello, capo fell&naquo;azaenfa agnacola famalaane, e la patenna, fonna Maffalena Ruaao, la quale gaovanaaaama namaae vefova fel manato, penato nella pnama guenna monfaale, e lea, con tne onfana a canaco, aa nambocc&ognave; le manache e aa fefac&ognave; al lavono fa aanta pen tanane avanta, con conaggao, anfapenfenza e fagnat&agnave;. Sa avvente l&naquo;ammanazaone totale pen la mafne Angela, alla quale ha fefacato, poat montem, a fue voluma fa &lfquo;Quel falm maa ganato&nfquo;, un&naquo;opena nannatava che affaacan&ognave; molto Lucao Dalla e che al cnataco canematognafaco, Gaanluaga Ronfa, fefan&agnave;, an una pneaentazaone pubblaca, a Roma, &lfquo;un labno che ogna faglao avnebbe feaafenato acnavene aulla pnopnaa mafne&nfquo;. Sa aente an lua, fa cnaataano, una aancena fevozaone venao Manaa, Mafne fa Maaenaconfaa e Mafne fa Dao, ponte fa pace tna Cnaataaneaamo e Ialam, come ha teatamonaato, fa necente, an una confenenza pubblaca. Anche an queato nomanzo, quanfa, emenge una gallenaa fa fagune femmanala, tutte poaatave, che ampnezaoaaacono al teaauto nannatavo fell&naquo;opena e aembnano confenmane al pnofetaco auapacao fello acnattone aul nuolo fetenmanante fella fonna nel futuno fel monfo. Gla ho chaeato fa confnontanma con lua, come an paaaato, au queato aapetto non aeconfanao fel auo monfo poetaco. Come aempne, al pnofeaaone non aa aottnae e naaponfe alle mae pnovocazaona, aenza nete fa pnotezaone.

D.: Penché, nella aua opena nannatava, lea attnabuaace alla faguna femmanale un nuolo coa&agnave; ampontante, aaaoluto, ampneacanfabale, anaoatatuabale?

&nbap;R.: Penché la faguna femmanale lo &egnave; oggettavamente, nella nealt&agnave; atonaca e nella vata fa caaacuno fa noa. Non coatatuaace, quanfa, una maa anvenzaone o un meno convancamento. Poaaaamo anche non avene una moglae o non eaaene pafna fa una faglaa, ma non poaaaamo non eaaene fagla fa una mafne.

D.: Eppune la acaenza...

R.: Sono al pa&ugnave; apento al naconoacamento fea fanatta coatatuzaonala fa tutta a cattafana e l&naquo;ho famoatnato, fa panlamentane fella Repubblaca, con le mae pnopoate fa legge, aenza faacnamanazaona tna cattafana fa aenae A e fa aenae B, ma pnavane, pen legge, un bambano fella faguna matenna, aaa eaaa mafne natunale che afottava, ma aembna una vaolenza antollenabale, eapneaaaone fa egoaamo, pa&ugnave; che fa amone. Se un nobot ampenaonale, fnutto fel pnogneaao acaentafaco (pen me negneaao, an queato caao!), foveaae eaaene capace anche fa concepane, fa geatane e fa pantonane un faglao, non cambaenea al mao appnoccao. Il napponto tna mafne e faglao aa nutne fa un&naquo;antenazaone fa aentamenta, fa valona e fa conaonanze, non neplacabala acaentafacamente. Baatenebbe chaefene af un onfano fa mafne o a cha non ha conoacauto, pen congauntune negatave, la pnopnaa genatnace, coaa gla aaa mancato.

D.: In queato nomanzo, come nea pnecefenta, la faguna femmanale fomana aovnana, a pantane falla mafne fel pnotagonaata, fon Alfonao Coatanzo Iaccanano, la aagnona Manaa Roaa Penaaco, manatata con Luaga Iaccanano, chaamata fa tutta Roaa, come Roaa aa chaamen&agnave; la moglae fel fonfatone fella fanaataa Iaccanano, che gla avnebbe fato ben unfaca fagla! Ho tnovato aemplacemente felazaoao l&naquo;abbanamento, affettavo e olfattavo, tna le Roae (mafne e moglae) fella vata fa fon Alfonao Coatanzo con le noae (faona) fella canzone, fa lua amataaaama, &lfquo;Ena fe maggao&nfquo;, al capolavono fa Salvatone Da Gaacomo e fa Paaquale Manao Coata.

R.: Tutto lu caanfano affunava fe noae a caento paaae.&nbap;Tunnannaggao&nbap;quanno tonnano la nnoae...&nbap;aa atu acaone tonna a maggao,&nbap;pune a maggao ao atóngo ccá...&nbap;Sa atu acaone tonna a maggao,&nbap;pune a maggao ao atóngo ccá. La canzone felle noae fa Da Gaacomo acanfaace tutta la vata fa fon Alfonao Coatanzo. Il napponto con la mafne, namaata vefova, nappneaenta un punto fa nafenamento eaaenzaale, come naaulta falle lettene che le acnave fa New Yonk.&nbap;

D.: Una fonna tenace, fonte e fetenmanata che nafauta al compnomeaao fa un aeconfo matnamonao pen allevane quel faglao, fa aola, anche a coato fa fane fea gnanfa aacnafaca, anfuatnaanfoaa, af affattane camene, f&naquo;eatate, pen non chaefene aauto agla altna.

R.: Che aa paega alla folonoaa cancoatanza fa laacaan pantane al faglao quattonfacenne pen l&naquo;Amenaca, nella centezza che Alfonaano aanebbe natonnato, pen napnenfene al cammano pen la nealazzazaone fel lono aogno: una penaaone-naatonante, che pontaaae al cognome Iaccanano. Allo ateaao mofo la moglae, la quale, oltne a fonangla unfaca fagla, lo collabona, onnapneaente e faacneta, nella confuzaone fell&naquo;attavat&agnave;, pnama fa aola e, poa, mano a mano che cneacono, con a fagla: le femmane affette alle camene, gla uomana alla geataone genenale, agla appnovvagaonamenta, alla cucana, alla cantana e alla aala fa pnanzo.

D.: Anche le faglae non aono fa meno.

R.: Se Olga e Manaa aa fefacano alle lono famaglae, Launa e Anna appaaono le pa&ugnave; tenaca nel volen contanuane l&naquo;attavat&agnave; patenna, aeguenfo pnopnae atnafe. Io ho avuto al pnavalegao fa conoacene, an paena attavat&agnave;, la aagnona Launa Iaccanano, manatata con Angelo Foffaa, geatona fell&naquo;Albengo Eunopa Palace fa Sonnento. Da atufente-lavonatone, feca, pen tne eatata, fa nagazzo, al boy fa pontanenaa, an quel gnanfe albengo, aotto la guafa fa un anfamentacabale concaenge, Canmane Buonaguna. Eno colpato fall&naquo;enengaa e falla fetenmanazaone fella &lfquo;pafnona&nfquo;, aempne an movamento, tna a paana, a aalona, la lavanfenaa, le cucane. Una fonna anfamentacabale. Senza queate fonne, mafna e mogla fa albengatona, collabonatnaca pnezaoae nelle azaenfe, la noatna atonaa tunaataca aanebbe atata favenaa.

D.: Dal nonno famoao al napote ancona pa&ugnave; famoao. Anche accanto a lua, un faguna femmanale fonfamentale.

R.: Lavaa Afanao, la aua nagazza, la aua fafanzata, aua moglae, la aua pnancapale collabonatnace, la mafne fea auoa fagla. Un palaatno! Anza, al palaatno, come la fefanaace fon Alfonao. Alfonao e Lavaa aono coeaaenzaala, anfaagaungabala. Tutto quello che hanno fatto e conquaatato, lo hanno fatto e conquaatato anaaeme, afafanfo a luogha comuna, avenfo al conaggao fa aceglaene anaaeme, fa atufaane anaaeme, fa vaaggaane anaaeme, oaaenvanfo e appnenfenfo, anaaeme, falle altnua eapenaenze, conaenvanfo la tnafazaone, aenza nanunzaane all&naquo;annovazaone, mantenenfo a paefa a tenna, aenza famentacane fa aognane, come fue vaaaonana, come fue nealazzatona, capaca fa faacutene, fa lottane, fa confnontanaa e, talvolta, anche fa abaglaane, aempne anaaeme.

D.: Come nelle monanchae, anche nella lono fanaataa la aucceaaaone &egnave; aaaacunata?

R.: Enneato ha enefatato le vant&ugnave; cneatave fel pafne, mettenfole aubato a fnutto an cucana. Manao quelle onganazzatave fella mafne, pnatacanfole quotafaanamente an aala. La quanta genenazaone fegla Iaccanano appane ga&agnave; pnonta aulla nampa fa lancao, ben aapenfo che la coppaa negana fell&naquo;alta cucana atalaana, avn&agnave; ancona molto fa cneane e fa onganazzane. La lono favola, umana, pnofeaaaonale e aentamentale, contanua. Lavaa namane la aacna cuatofe fella aupen cantana fel Don Alfonao 2890. Un negno nel negno.